Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Puglia
Trovati 1432 - Visualizzati 10 (da 721 a 730)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  133  134  135  136  137  138  139  140  141  142  143  144 

Ricerche avanzate

Kàmb' e ffè kambè.
Vivi e fai (lascia) vivere. Non essere egoista, non volere tutto per te, nel bene e, ahimè, anche nel male (magari chiudi un occhio se vedi altri comportarsi in maniera poco corretta). - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Kàmb' a lla skús' d' Kríst'.
Vive "alla scusa" (all'insaputa) di Cristo. Manco il Padreterno, ed è quanto dire, sa che esiste per quanto è derelitto e povero. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Ka ci no' skrív' ce lla puo' avé la r'spost'!?
Ma se non scrivi mica la puoi avere la risposta!? Come faccio ad accontentarti se non mi precisi le tue richieste!? - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Ka c'é nnúdd' k'é mmuórt' attànd', é kk'a kundè u fàtt'.
Non è tanto (il cruccio) che è morto tuo padre, é che devi raccontare il fatto. Si lamenta, in termini paradossali, il dover dar conto di tutto imposto dalla morbosa curiosità dei compaesani. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Juómm'n' d' kandín', òggn' trénd' nu karlín'.
Uomini di cantina, ogni trenta un carlino. Persone prive di dignità e che perciò non valgono nulla. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Jún' n' stèv' k'ér' ggiúst' e llu m'ttèr'n' ngrósc'.
Uno ne stava che era giusto e lo misero in croce. In risposta a chi si vanta di essere il depositario della legalità. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Jún' n' pénz' e cciénd' n' fèsc'.
Una ne pensa e cento ne fa. Agisce senza pensarci più di tanto, è un avventato. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Jún' no' mmèl' e ll'àld' no' ssérv'.
Uno non è buono e l'altro non serve. La solita coppia di birbanti. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Jún' é tténn' (tténd') e ll'àld' é kallèr'.
Uno è fuligine (tinto) e l'altro è caldaia. Sono uno eguale all'altro, due persone entrambe poco raccomandabili. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


Jún' é ppíkk' e ddó so' assé.
Uno è poco e due sono molti. E' difficile stabilire con precisione la quantità necessaria. - Inviato da Vittorio Festa Palagiano (TA) vittorio.festa@email.it
Puglia


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti