Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Campania
Trovati 1192 - Visualizzati 10 (da 511 a 520)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120 

Ricerche avanzate

Ogni ccuffia p''a notte è sempe bbona e a 'o scuro 'a vajassa è bbella e bbona comme a' madama.
Ogni cuffia per la notte è sempre buona e al buio una fantesca è bella e piacente quanto una signora. Id est: A letto le differenze sociali non contano nulla: se bella e piacente, una serva vale quanto una padrona.
Campania


'A fatica d''e fràcete se venne a caro prezzo.
Il lavoro degli sfaticati è venduto a caro prezzo. Id est: Chi non è intenzionato a lavorare tiene alto il prezzo del proprio lavoro, per modo che non possa trovar committenti.
Campania


Tanno se chiamma grano, quanno sta dint' a' votte.
Allora si chiama grano, quando si trova nella botte. Id est: nella vita non bisogna farsi illusioni o credere ai castelli in aria, ma fidarsi solo di ciò che si è concretamente raggiunto e di cui si può servire.
Campania


Miettece n'autu nomme e tienete 'a stessa.
Chiamala diversamente, ma tieniti quella che hai (Lo si dice con riferimento alla propria moglie o alla fantesca; possono venire a noia, ma conviene mantenerle, magari combiando loro il nome, giacché con un eventuale cambio potrebbe accadere di ritrovarsi con una moglie e/o una fantesca peggiori di quelle cambiate).
Campania


'E meglio pariente so' 'e denare!
I migliori parenti sono i soldi! Id est: solo i soldi possono assicurarti tutto, anche quello che i parenti non possono darti.
Campania


Dicette mastu Cciccio:"Ce stanno cchù gghiuorne ca sacicce"
Ad litteram: Disse mastro Francesco: " Ci sono più giorni che salsicce, (per cui evita di dilapidare tutto ciò che hai, conservane un po' per quando ne avrai bisogno)".
Campania


Figlio 'e gatta, sorice piglia e si sorice nun piglia, vo' dicere ca nun ll'assumiglia.
Ad litteram: figlio di gatta, cattura il topo e se non lo cattura , significa che non gli somiglia. Id est: per esser detti veramente figli di un genitore, occorre comportarsi come lui, altrimenti si può correre il rischio di esser considerati spurii.
Campania


Sora mia te voglje veré, maje meglie 'e mé.
Sorella mia, mi fa piacere vederti, però mai in condizioni migliori delle mie. Ciò sta ad indicare che davanti agli interessi cessano tutti gli affetti, anche per i più cari.
Campania


Chi pesce vò magnà, 'e piede s'à dda 'nfonnere.
Ad litteram: chi vuol mangiare pesce, deve bagnarsi i piedi; id est: chi vuol conseguire un risultato sperato ed importante deve pur correre qualche rischio e sottostare ad imprevisti; nulla si ottiene gratuitamente, senza lavoro ed impegno!
Campania


Ariu russu terra nfossa.
Tramonto rosso, terra bagnata.
Campania


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti