Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Campania
Trovati 1192 - Visualizzati 10 (da 311 a 320)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120 

Ricerche avanzate

Natalu cu lu solu, Pasca cu lu ciuppònu!
Natale con il sole, Pasqua con il ceppone! Cioè se a Natale il tempo è bello, a Pasqua farà freddo.
Campania


Denaro 'e stola, scioscia ca vola!
Ad litteram: Danaro di stola, soffia che vola! Id est: il danaro guadagnato esercitando il ministero sacerdotale, si dilegua facilmente atteso che è stato guadagnato senza fatica.
Campania


'O supierchio* rompe 'o cupierchio**
Ad litteram: Il soverchio rompe il coperchio; id est:ogni eccesso è troppo e perciò disdicevole, ogni esagerazione è biasimevole atteso che può produrre solo danno; ad es. chi pretendesse di empire oltre misura una cassa o un baule , non otterebbe altro che la rottura del coperchio. * dal lat. superculum ** dal lat. coperculum da cooperio
Campania


Quanno a caurara* volle mena subbeto e maccarune.
Quando la pentola bolle, cala subito i maccheroni. Id est:nella vita bisogna esser sempre solleciti e profittare del momento adatto per fare ciò che è da farsi, evitando,per non correre lalea di un insuccesso, di rimandare o procrastinare la propria azione.Il proverbio à anche un significato furbesco ed in tale connotazione significa: quando una donna avverte i primi bollori, occorre darle subito marito che la soddisfi e la calmi. *caurara = caldaia/pentola dal lat.caldaria; per traslato furbesco vulva
Campania


Vatte 'o ffierro finché è caudo.
Ad litteram: percuoti il ferro fin quando è ancora caldo;(dopo sarebbe inutile...)Id est: persegui una meta quando ancora ti soccorrono forze e situazioni propizie, o ancora: profitta di una promessa, prima che sia dimenticata o disattesa.
Campania


Stammo facenno 'a messa pezzuta.
Ad litteram: Stiamo facendo la messa dei poveri. Amara espressione con la quale si commenta la pessima situazione in cui si trovi ad operare chi per inopia o incapacità proprie è costretto a pietire l'aiuto altrui e spesso non riesca ad ottenerlo; la Messa pezzuta era quella funzione per la quale occorreva elemosinare in giro la somma da devolvere al religioso ministrante per farla celebrare; pezzuta =agg.vo coniato sul p.p. del verbo petire iterativo di petere (chiedere).
Campania


Da nu malo pavatore, piglia chello ca puó!
Ad litteram: da un cattivo pagatore, prendi ciò che puoi; id est: per restare totalmente buggerato raccatta quanto puoi dalle mani di un tuo debitore, notoriamente proclive a non onorare i debiti; proverbio da intendersi anche latu sensu.
Campania


Quissu è nu ciucciu annistàtu a vorpa!
Questo è un somaro innestato a volpe! Fare il fesso, far finta di non capire per malizia e furbizia!
Campania


Chi chiangi, fottu a chi riri!
Chi piange e si lamenta, frega e supera chi ride! Morale: non fidiamoci di chi si lamenta perché spesso sta meglio di noi.
Campania


Chi è parente d a còppola va pa casa e ntròppeca; chi è parente d o muccatùro va pa casa e va sicùro.
Ad litteram: Chi è parente dello sposo <coppola =cappello>, gira per la casa degli sposi ed incespica; chi è parente della sposa <muccaturo = fazzoletto> gira per la casa con sicurezza.) Nel comune intendere partenopeo i parenti della sposa sono più bene accetti dei parenti dello sposo, che spesso è costretto - in casa propria - ad accogliere di buon grado gli spadroneggianti congiunti della moglie, mentre la sposa non riserva uguali accoglienze ai parenti del consorte...
Campania


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti