Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Campania
Trovati 1192 - Visualizzati 10 (da 301 a 310)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120 

Ricerche avanzate

'A copp' ô ccuorio, esce 'a currea.
La cintura si ricava dalla pelle (altrui). Id est:chi amministra i beni altrui riesce sempre a trarne un piccolo utile per se stesso, come i lavoranti il pellame per conto terzi son soliti usarne una piccola parte per farsene una cintura.
Campania


Acqua â fraveca e vino ê fravecature.
Acqua alla costruzione e vino ai costruttori Id est: unicuique suum (a ciascuno il suo) Occorre molta acqua per impastare la malta occorrente alla fabbricazione di una costruzione,mentre agli operai che vi lavorano occorre cedere molto vino, affinché affrontino con allegria il lavoro.
Campania


Fà sciacqua Rosa e bive Agnese!
Far (come) Rosa (che si sciacqua la bocca) ed Agnese (che beve)! Espressione usata a divertito commento delle azioni di chi prende tutto a cuor leggero, allegramente e disincantatamente, senza preoccuparsi, comportandosi come le due non meglio identificate Rosa ed Agnese, solite frequentatici di bettole dove si davano alla buona vita ubriacandosi senza ritegno, l'una usando il vino quasi per nettarsi la bocca sciacquandosela, l'altra, Agnese, invece assumendolo copiosamente.
Campania


MEGLIO CURNUTO, CA MALE SENTUTO.
Ad litteram: meglio cornuto, che mal sentito Il proverbio vuol significare che è preferibile subire l'onta del tradimento coniugale, portandone in giro - sia pure figuratamente - i duri segni puntuti,piuttosto che essere mal compresi e fraintesi (le corna, infatti non producono gran danno, laddove il fraintendimento delle proprie parole e perciò delle idee può portare gravissimo nocumento... Come si vede il concetto del proverbio è molto esteso e significativo e non si riferisce al semplice erroneo fatto di non essere ascoltato...il proverbio non parla di sordi, ma di chi proditoriamente travisa ciò che ascolta!
Campania


Quanno ajze 'a coscia e fa 'a ballerina
Quando alza la gamba e fa la ballerina. Per dire che non basta essere capace di sollevare una gamba per potersi considerare una danzatrice. E' detto di chi aspira a qualcosa senza averne i meriti e le capacità, fondando soltanto sulla sua presunzione.
Campania


Canda culu quannu si sulu ca quannu si accumbagnàtu riesti sbrugugnàtu!
Canta (scorreggia) culo, quando sei da solo, perchè quando sei accompagnato, sarai svergognato!
Campania


Chi nun s'ammesura, è ammesurato.
Ad litteram: Chi non usa misura (nel proprio comportamento) viene misurato. Id est: chi eccede con le proprie azioni, non usando attenzione, cura e saggezza, prima o poi finisce per soccombere, quando non addirittura decedere con conseguente misurazione anche fisica per l'approntamento della cassa da morto.
Campania


Chi nun accatta* e nun venne, nun saglie e nun scenne. *dal lat. ad+captare = prendere, conquistare e perciò: comprare.
Ad litteram: Chi non compra e non vende non migliora e non peggiora (il suo patrimonio); il commercio è ritenuta l'unica attività che ti può far molto lucrare o anche perdere, mai mantenerti nello status quo.
Campania


Chi magna a Natale e pava a Pasca fa 'nu bbuono Natale, ma 'na mala Pasca
Ad litteram: Chi mangia a Natale e paga a Pasqua, fa un buon Natale, ma una cattiva Pasqua; id est: procrastinare la soluzione di un problema, non significa risolver quel problema...
Campania


Tìempu ri mùstu, fai lu pìrutu jùstu, e si lu sai fà, lu pavimèndu adda cutulià!
Tempo di mosto, fai un peto azzeccato, e se lo sai fare, il pavimento devi far sussultare! Quando si beve il mosto, questo continua a fermentare nella pancia e si forma l'aria che, se espulsa in maniera adeguata, deve far muovere il pavimento.
Campania


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti