Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Campania
Trovati 1192 - Visualizzati 10 (da 421 a 430)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120 

Ricerche avanzate

Lietto e galèra fanno ll'ommo peggio ca era.
Ad litteram: letto e galera fanno l'uomo peggiore di quel che era; id est: la malattia (letto) ed il carcere peggiorano l'indole di un uomo.
Campania


E' mariuolo tanto chillo ch' arrobba ca chillo ca mantene 'o sacco.
Ad litteram: è ladro sia quello che ruba sia quello che regge il sacco; è l'icastica trasposizione in chiave proverbiale del principio che la legge sanziona sia che perpreta materialmente un furto, sia chi gli fa da palo o in qualsiasi modo lo supporta.
Campania


Chi se scusa, s'accusa.
Chi (senza che sia stato sollecitato a farlo) si scusa di una colpa, in pratica se ne accusa; è la trasposizione dialettale della massima latina:excusatio non petita, accusatio manifesta.
Campania


È ccerto ca tre anne ‘e Vecaria* e seje ‘e galera nun te fossero mancate si nun ghive cu bbuone cianfrune ** sott’acqua
È certo che non ti sarebbero mancati tre anni di processo e sei di prigione, se non avessi lavorato sott’acqua con parecchio danaro usato per corrompere chi di dovere. * ‘A Vecaria era, a Napoli, in periodo viceregnale il massimo tribunale cittadino. ** Cianfrune dallo spagnolo chanflon (moneta argentea iberica) è uno dei circa sessanta sinonimi con cui, in lingua napoletano, viene significato il danaro. Amaro proverbio che asserisce e denuncia la continua corruttibilità della giustizia umana…
Campania


Chi tène denare ave sempe raggione*, chi nun ne tène, ave sempe tuorto! *correttamente scritta in napoletano con due G.
Ad litteram: Chi è ricco à sempre ragione,chi non ne à, à sempre torto; la faccenda vale in qualsiasi momento della vita; il proverbio usato in ambito giudiziario rammenta che chi è facoltoso può permettersi l'opera di un valente avvocato che faccia prevalere le sue ragioni, mentre chi è povero, non potendosi permettere di pagare le salate parcelle di un buon avvocato, quasi certamente, in un giudizio finirà per soccombere.
Campania


Âmmo fatto primma ‘o scurriato* e ppo’ ‘a carrozza cu ‘o cavallo.
Ad litteram: ci siamo procurato prima la frusta e poi la carrozza con il cavallo. Id est: ci siamo comportanti senza alcuna avvedutezza, badando innanzi tutto alle minuzie ed alle cose non importanti e solo successivamente alle cose veramente pregnanti e sostanziose. *’o scurriato è la frusta che usano i vetturini da nolo ed ogni conduttore di vettura con cavallo; la parola deriva dal latino virga excorrigiata ossia bastone con le corrigia (strisce di cuoio).
Campania


'A mala pratteca fa ll'ommo 'mpiso e manna 'a femmena a 'o burdello.
Ad litteram: la cattiva pratica (id est: le cattive frequentazioni) induce l'uomo a delinquere, predestinandolo alla forca e spingono la donna al meretricio avviandola al lupanare.
Campania


'A giustizia piace, ma no purtarla 'ncuollo.
Ad litteram: la giustizia piace, ma non il portarla addosso. Id est: la giustizia può piacere, purché non colpisca noi stessi, ma riguardi gli altri.
Campania


Dicette frate Evaristo: "Pe mmo, pìgliate chisto!".
Ad litteram: disse frate Evaristo: Per adesso, prenditi questo!"Il proverbio viene usato a mo' di monito, quando si voglia rammentare a qualcuno, che si stia eccessivamente gloriando di una sua piccola vittoria, che per raggiungerla ha dovuto comunque sopportare qualche infamante danno, e per ammonirlo a desistere per non incorrere in ulteriori infamie. Il frate del proverbio fu tentato dal demonio, che per indurlo al peccato assunse l'aspetto di una procace ragazza discinta; il frate si lasciò tentare e partì all'assalto delle grazie della ragazza che - nel momento culminante della tenzone amorosa riprese le sembianze del demonio e principiò a prendersi giuoco del frate, che invece portando a compimento l'operazione sodomitica iniziata pronunciò la frase in epigrafe.
Campania


'O cavallo zuoppo e 'o ciuccio viecchio, morono a' casa d''o fesso.
Ad litteram: il cavallo zoppo e l'asino vecchio muoiono in casa dello sciocco. Id est: dello sciocco ognuno si approfitta; nella fattispecie allo sciocco vengono venduti il cavallo azzoppato e l'asino vecchio ormai inadatti al lavoro.
Campania


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti