Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Campania
Trovati 1192 - Visualizzati 10 (da 521 a 530)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120 

Ricerche avanzate

Cane c'abbaia nun mozzeca.
Cane che abbaia non morde.
Campania


Quannu u ciucciu nun bole veve hai voglia du fisccà.
Quando l'asino non vuole bere è inutile che lo fischi.
Campania


Asseccà 'o mare cu 'a cucciulella.
Ad litteram: prosciugare il mare con una minuscola valva di arsella. Id est: lanciarsi in un'impresa assurda e disperatamente impossibile.
Campania


Bettina, dopp' trent'anni e mestiere se n'ascette con onore e stima.
Bettina, dopo trent'anni di mestiere se ne usci con onore e stima. Si da della Bettina (prostituta che dopo anni di onorata carriera si spaccia per santarellina)a qualcuno che palesemente nega di aver fatto qualcosa o contraddice opinioni da se stesso espresse. Insomma, a chi rigira la frittata nel piatto!
Campania


Assecca o mare ca cocciolella.
Secchi il mare con la chiocciolina, cioè ti stai accingendo ad un impresa disperata.
Campania


'E ricche comme vonno, 'e pezziente comme ponno.
Ad litteram: i ricchi come vogliono, i poveri come possono. Il proverbio afferma,- sia pure implicitamente - la grande potenza del danaro in forza del quale chi lo possiede può far valere il proprio volere; al contrario chi - come i poveri - ne è sprovvisto deve accontentarsi di ciò che gli sia offerto o concesso e non può mai esprimere una sua volontà.
Campania


Dicette 'o pappice vicino a' noce: damme 'o tiempo, ca te spertoso.
Ad litteram: disse l'insetto punteruolo alla noce: dammi tempo e ti perforerò. E' un modo più agreste di rendere il latino: gutta cavat lapidem; id est: pian piano anche le cose più difficili da farsi, possono esser fatte e le cose più dure diventano cedevoli, come una noce che col tempo può esser perforata da un piccolissimo insetto quale è il pappice.
Campania


L'ordin ra marin chell ra ser nun val a matin... e a ser so maccarunciell e a matin so vermiciell.
Filastrocca rivolta a chi cambiava continuamente idea. Gli ordini dati il giorno prima in marina non corrispondo a quelli del giorno dopo, se la sera so maccheroni(pasta corta) la mattina sono vermicelli(pasta lunga)
Campania


E dicett o' pappec vicin a noce : damm o tiemp ca i t sportos
Disse il pappice(verme della frutta) alla noce dammi il tempo che ti vuoto tutta. Spiegazione: con un po' di pazienza si riesce a fare tutto.
Campania


A cart e music man e cecat
Il pentagramma con la musica da leggere in mano ai ciechi . Proverbio usato quando qualcuno si avvale di un ruolo che poco gli si addice.
Campania


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti