Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Campania
Trovati 1192 - Visualizzati 10 (da 481 a 490)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120 

Ricerche avanzate

Meglio murí sazzio ca campà diúno.
Meglio morire, ma sazio, che vivere digiuno. Id est: meglio una buona morte che una cattiva vita.
Campania


Tutto passa, tutto se scorda e tutto se lassa
Tutto passa, tutto si dimentica e tutto si lascia per cui non conviene – a questo mondo – attaccarsi né alle cose, nè alle persone e neppure alle idee.
Campania


Si ‘o tiempo è bbello, nun serve 'o 'mbrello.
Se il tempo è bello non occorre l’ombrello. Proverbio che, sotto l’apparente ovvietà, nasconde il consiglio di vivere il più serenamente possibile e di preoccuparsi solo quando ce ne sia effettiva necessità e comprovata ragione.
Campania


"Quanno aiza 'a coscia e fa 'a ballerinola".
"Quando alza la gamba e fa la ballerina" (Come se bastase alzare una gamba per essere una ballerina, detto di chi ritiene facile qualcosa che facile non è)
Campania


Se ‘ngrassa ‘o puorco pe nne fà sacicce.
Il maiale lo si ingrassa per farne salsicce. Id est:nessuna azione è fatta disinteressatamente, ma tutte son compiute in vista di un prossimo o futuro tornaconto.
Campania


Quanno ‘a vocca s’’o ppiglia e ‘o culo t’’o rrenne futtetenne ‘e miedece, medicine e de chi ‘e vvénne.
Quando la bocca lo prende ed il culo lo rende, impipitane dei medici, delle medicine e di chi le vende. Id est: si può tranquillamente fare a meno di medici, medicine e farmacisti se si mangia bene e si digerisce adeguatamente.
Campania


P’avé ‘na bbona ‘nzogna, s’à dda ‘ngrassà ‘o puorco.
Per avere una buona sugna bisogna ingrassare il maiale. Id est:per avere buoni risultati occorre partire da giuste concrete premesse.
Campania


Ògne rriccio a ssujo pagliariccio.
Ogni riccio (stia) nella sua tana! Id est: ognuno deve prender coscienza di se stesso e delle proprie possibilità contendandosi di stare al suo giusto posto.
Campania


Ògne bbella scarpa addiventa ‘nu scarpone.
Ogni bella scarpa (col tempo si sforma) diventa una scarpaccia. Allo stesso modo una persona (e piú spesso una donna) per bella che sia stata in gioventú, con il trascorrere del tempo sfiorisce, incanutisce e si imbruttisce, ma mentre la scarpaccia può tornare utile come comoda pantofola lo stesso non può dirsi della donna sfiorita.
Campania


‘Nu muorzo ‘nnante all’ ora nun piglia cchiú sapore.
Un boccone prima dell’ora (del pranzo) gli fa perder sapore. Id est: gli stuzzichini prima del pasto ne rovinano il gusto. Per traslato furbesco: le eccessive libertà sessuali che si concedono i fidanzati prima delle nozze possono guastare il gusto della... canonica consumazione nuziale.
Campania


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti