Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Marche
Trovati 634 - Visualizzati 10 (da 91 a 100)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64 

Ricerche avanzate

Lu semare de sette patrù, se meriette de fame.
Il somaro di sette padroni, è morto di fame. Perché nessuno lo voleeva accudire, pensando che lo facesso l'altro.
Marche


L'ome da vì, une vale nu quatrì
L' uomo da vino, non vale un quattrino. Non dà affidamento.
Marche


L'operaiu sfaticatu lavora comme 'n cane legatu.
L'operaio sfaticato lavora come un cane legato. Ovvero lavora molto poco perchè non è libero nei movimenti.
Marche


Quanno a la femmena l'estro l'assale, l'istinto sulla ragljone de certo prevale.
Quando alla donna l'estro l'assale, di certo l'istinto sulla ragione di certo prevale.
Marche


Moglje e voi de li paesi toi.
Moglie e buoi dei paesi tuoi.
Marche


La femmena è comme una vella tavola apparecchiata che tutti deveno lodà e ammirà ma solo essa sa quilli che deve 'nvità.
La donna è come una bella tavola apparecchiata che tutti debbono lodare ed ammirare ma solo lei sa quelli che deve invitare.
Marche


Se se' satullu e abbeveratu ringrazia lu pastore che t'ha paratu.
Se sei sazio e hai ben bevuto ringrazia colui che ti ha permesso di mangiare e bere a sazietà.
Marche


La vita è comme 'na cipolla: più la sfoglj più te fa piagne!
La vita è come una cipolla: più si allunga e più ti fa piangere!
Marche


Quanno lu pecoraru va a Maremma glj pare d'esse principe e notaru: la coa de la pecora è la penna, lu sicchiu de lo latte è lu calamaru.
Quando il pastore andava in maremma credeva d'essere un principe e un notaio: la coda della pecora era la penna ed il secchio del latte il calamaio. Per i poveri pastori dell'Appennino marchigiano i pascoli della Maremma erano ricchi seppur rischiosi a causa della malaria. Ma questo a loro poco interessava...
Marche


Lu SE e lu MA è lu paese de li cojoni!
Il se e il ma sono il paese dei coglioni (inutile fare ipotesi e congetture su ciò che non si può più cambiare).
Marche


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti