Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Abruzzo
Trovati 296 - Visualizzati 10 (da 71 a 80)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30 

Ricerche avanzate

Quanne lu surge nen po' entrà allu bbùche, campa male e 'ccampa pùche.
Quando il topo non ha modo di entrare nella tana, vive male e dura poco.
Abruzzo


La mojje che vo' bbene ajju marite, la sera je da fà la cepullàta; la mòjje ch'ajju marite je vo' male, je mette ju sale alla saràca.
La moglie che vuol bene al marito alla sera gli cucina la cipollata;la moglie che al marito vuole male, gli mette il sale sull'aringa salata.
Abruzzo


J'èsene stalliògne, meng'alla pàrta jogne.
L'asino rimasto a riposo nella stalla troppo a lungo non ce la fa nemmeno ad arrivare alla porta.
Abruzzo


Quanna tì,mandì ca quanna 'nndì nì che mandnò.
Tradotto letteralmente: "quando hai ,mantieni,perchè quando non hai non hai da mantenere". Riferito al risparmio:quando hai qualcosa, risparmia, perché quando non hai niente, non hai niente da risparmiare.
Abruzzo


A lu scurcià d la caud z guasct la pell.
Tradotto letteralmente: "allo spellare della coda si rovina la pelle". Nel senso che alla fine di un lavoro fatto bene, un piccolo errore può tovinare tutto.
Abruzzo


Lu cuan cabbauj 'nmaucich.
Il can che abbaia non morde.
Abruzzo


Ogne par vò paroiglj e ogne fius vò vrtoicchj.
Ognuno vuole il suo pari come ogni fuso vuole il suo fusaiolo.
Abruzzo


Marit'e fegliule gna Ddije te le dà, te l'ì a toglie.
Marito e figlioli come Dio te li dà te li devi prendere.
Abruzzo


'n serv a ciuffulè, quanna l'uasen 'nvò vov.
E' inutile fischiare quando l'asino non vuole bere.
Abruzzo


"Purcèlle senza larde, 'hjiànne si sùgne".
"Il maiale magro,sogna le ghiande". Il detto esprime la fatalità che muove il desiderio di chi si trova in uno stato di necessità o di privazione.
Abruzzo


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti