Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



I proverbi della regione Abruzzo
Trovati 296 - Visualizzati 10 (da 271 a 280)
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30 

Ricerche avanzate

Tire lu vènte, abbaia lu cà, tìrete arrète n'n te accustà là lu battelle de papà.
Soffia il vento, abbaia il cane, ritorna indietro non ti avvicinare al battello di papà.
Abruzzo


Lu pescatore pèsche, sèmpre de fame se casche.
Il pescatore pesca, sempre per la fame sviene.
Abruzzo


Chi tè la moje belle sempre cante, chi tè li quatrì sempre li conte.
Chi ha la moglie bella canta sempre, chi ha i soldi conta sempre.
Abruzzo


Marchescià, marchescià strette de vocche e larghe de ma'.
Marchigiano, marchigiano avaro di parole e generoso di mani.
Abruzzo


Dumà è feste, la pupe a la fenèstre, lu sorge a ballà e la hatte a cucenà.
Domani è festa, la fanciulla alla finestra, il topo a ballare e il gatto a cucinare.
Abruzzo


L'ove a Pasque, li parole dova càsche.
Le uova a Pasqua, le parole dove cadono.
Abruzzo


Chi se fa la barbe sta be' nu jurne, chi fa lu pa' sta be' na settimana, chi pija la moije sta be' nu mese, chi ammazza lu purche sta be' n'anne,ma chi se va a fa' frate sta be' pe sèmpre.
Chi si fa la barba sta bene un giorno, chi fa il pane sta bene una settimana, chi prende moglie sta bene un mese, chi uccide il maiale sta bene un anno, ma chi si fa frate sta bene per sempre.
Abruzzo


Quanne frutte lu mare, frutte pure la terra.
Quando frutta il mare, frutta anche la terra.
Abruzzo


La fammn senza pett è com' lu scutllar senza piatt'.
La donna senza seno è come lo scolapiatti senza piatti.
Abruzzo


Nen semendà li spe(o li spì) se vu jì(o je) scazze.
Non seminare spine se vuoi camminare scalzo.
Abruzzo


PRECEDENTI PROSSIMI

dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti