Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Campamu tutti quanti nta stu mundu
Sonetto del poeta cauloniese Giovanni Di Landro, nel quale si critica il comportamento umano, sbagliato e dannoso soprattutto nei confronti dell'ambiente, che ci sta portando alla rovina.

Dialetto: Calabria

Campamu tutti quanti nta stu mundu
Ma quanta confusioni c'è nto mundu,
quantu trambustu, non si po' campari!
Adduvi giru e votu mi cunfundu
e jamu sempi avanti a peggiorari.

Jendu avanti accussì toccàmu u fundu
e doppu non si poti rimediari;
campamu tutti quanti nta stu mundu,
'ddunca 'mpegnamundi u si po' sarvari.

Certu sarrìa bonu proponimentu
pemmu stu mundu ccà u sarvaguardàmu
da guerri, incendi, mali e inquinamentu;

c'è ancora tempu, forsi, mu cangiàmu;
ncignàmu mu mentìmu sentimentu:
u mundu è u nostru e nui ccani campamu!

  Traduzione in italiano

Viviamo tutti quanti in questo mondo
Ma quanta confusione c'è nel mondo,
quanto disordine, non si può vivere!
Quando mi guardo attorno mi confondo
e andando avanti si peggiora sempre di più.

Se andiamo avanti così tocchiamo il fondo
e dopo non si potrà più rimediare;
viviamo tutti quanti in questo mondo,
dunque impegnamoci affinché si possa salvaguardare.

Sarebbe certu un buon proposito
fare in modo di salvaguardare questo mondo
da guerre, incendi, mali e inquinamento;

c'è ancora tempo, forse, per cambiare;
iniziamo a ragionare:
il mondo è nostro e noi qui viviamo!



Poesia inviata da: Giovanni Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti