Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
A ddu chella d''e ccarte
Raccontino mutuato da un sonetto di Trilussa.

Dialetto: Campania

A ddu chella d''e ccarte
- Pe ffà ‘e carte quanto t’aggi’’a dà?
- Mille lire!
- Eccu cca; bada però ca m’hê ‘a dicere ‘a pura verità...
- Nun dubbitate, v’’a dico certamente!

- Vuje tenite a n’ amico ca ve vo’ ’mbrugliarve ‘int’ âffare….
- È ‘mpussibbile pecché affare mo i’ nun ne faccio cchiú.
- ‘A migliera vosta ve ‘nganna.!
- Ma va' là!! So’ virulo ‘a tantu tempo!
- Ve spusate n’ata vota.
- E lèvate ‘a tuorno, leta lè! Ce so’ caduto ‘na vota e non ce cado cchiú !

- Veco ‘ncopp’ a ll’otto ‘e coppe nu certo un saccio che...Ve so’ state arrubbate...
- Oh chesto sí: -‘E mmille lire c’aggiu dato a tte.!

  Traduzione in italiano

Dalla cartomante
- Per fare le carte quanto chiedi?
- Mille lire!
- Ecco qui; bada però che mi devi dire la pura verità...
- Non dubitate, ve la dirò.

- Voi avete un amico che vi vuole
imbrogliare negli affari.
- È impossibile perché affari adesso non ne faccio.
- Vostra moglie vi inganna.
- Ma va' là!! Sono vedovo da tempo immemorabile!
- Vi riammogliate.
- E togliti di qui! Ci son cascato e non ci casco più!

- Vedo sul fante di coppe un certo non so che...Vi sono state rubate...
- Oh questo sì:-Le mille lire che ò dato a te.




Racconto inviato da: Raffaele Bracale - Napoli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti