Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Tempu persu
Una vita frenetica ci porta a rimpiangere le occasioni mancate.

Dialetto: Sicilia

Tempu persu
'U munnu curri, e curri forti,
pari chi 'nta n'annu passa
'u tempu chi ci voli pi dec'anni
e nuatri, comu pazzi, subbitu d'appressu
senza aviri tempu pi vardari
ne pi pinzari Comu si fa.
Curremu e ni manca 'u sciatu,
'a testa è cunfusa, cchiù chi pirsuasa,
e di firmarini non c'è versu,
mancu si ci sbattemu 'u mussu.
N'arritruvamu vecchi e arripudduti,
'nto specchiu ni vardamu e,
comu babbi addumannamu:
" Ma tu cu si? Comu arrivasti cca?"
Stanchi e pinzirusa n'assittamu,
ora sapemu cu ni sta vardannu:
è sulu tantu tempu persu !

  Traduzione in italiano

Tempo perso
Il mondo corre, e corre forte,
sembra che in un anno passi
il tempo necessario per dieci anni
e noi, come pazzi, gli andiamo appresso
senza avere il tempo per guardare
ne per pensare come fare.
Corriamo e ci manca il fiato,
la testa confusa, più che persuasa,
e di fermarci non c'è verso,
neanche se ci sbattiamo il muso.
Ci ritroviamo vecchi e incartapecoriti
nello specchio ci guardiamo e,
come stupidi chiediamo:
"Ma tu chi sei? Come sei arrivato qua?"
Stanchi e pensierosi ci sediamo,
ora sappiamo chi ci st guardando:
è solo tanto tempo perso !



Poesia inviata da: Enrico Izzo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti