Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
Storia d'amore
La vita dell’uomo si intreccia con le vicende della natura di cui è parte ed in cui è immerso. Importante è il “Sentimento” ove risiede l’essenza della Moralità umana.

Dialetto: Puglia

Storia d'amore
‘Nta l’erva, la spurchia e lu scrasciali
So ssuti, stamatina, do fiuri;
ci tu li viti e li rifletti bbueni
Ssumigghiuni, precisi, propri’ a vui.

Iertu, biancu e russu, comi nu zitu
La vuarda iddu tuttu nnamuratu
Chiù vasciuledda, doggi e fina fina
S’appiccia, iedda, tott’appassiunata.

Iessi lu soli, doggi, a primavera;
Comi lu cori mia ca sempri spera.
Spera cu ti veti giurnu e sera,
All’ora ca pi tutti è na preghiera.

Ma lu scrasciali è amaru e spini spini,
Precisu com’a certi pilligrini,
Ca siccomi no tenuni ce scardà:
L’anima alli cristiani hona scassà.
Ma vu, no li pinzati, sti fitienti;
Tirati nnanti, strinciti li dienti.
Lu cori vuestru ‘ncielu ste ccucchiatu,
Alla luna e alla stella ‘ncatinatu.

Iessi lu soli, doggi, a primavera;
Comi lu cori mia ca sempri spera.
Spera cu ti veti giurnu e sera,
All’ora ca pi tutti è na preghiera.

Passati so, da tannu, ianni e ianni
E so canusciuti priesci, vuai e affanni;
Iddu oramai la capu è già bbuccatu,
Fina fina, iedda lu vuarda abbandunatu.

E iessi lu soli, com’a primavera;
Ma mu, lu cori mia, ce cosa spera?
Spera ca na vodda, o giurnu o sera,
Ccumenza la vita: la vita nova, la vita vera.

  Traduzione in italiano

Storia d'amore
Nell’erba, nella sporchia e fra i rovi
Sono usciti, stamattina due fiori;
Se tu li guardi e li rifletti bene
Sono tali e quali voi due.

Alto, bianco e rosso, come uno sposo
La guarda lui tutto innamorato
Un po più bassa, dolce e fine fine
Arrossisce lei, piena di passione.

Esce il dole, dolce, di primavera
È come il mio cuore che sempre spera
Spera di vederti giorno e sera
Nell’ora in cui tutti recitano una preghiera(all’avemaria)

Ma ilroveto è amaro con spine e spine,
Preciso come certi pellegrini,
Che siccome non hanno che scardare:
L’anima alla gente devono scassare.
Ma voi non pensate a questi fetenti;
Andate avanti stringete i denti.
I vostri cuori in cielo sono uniti,
Alla luna ed alla stella incatenati.

Esce il dole, dolce, di primavera;
È come il mio cuore che sempre spera.
Spera di vederti giorno e sera,
Nell’ora in cui tutti recitano una preghiera.

Passati son da allora anni ed anni
Avete conosciuto gioie, guai e affanni;
Lui, oramai il capo ha già ricurvo,
E, fina fina, lei lo guarda oramai abbandonato.

Ed esce il sole come a primavera;
Ma ora il cuore mio che cosa spera?
Spera che una volta, di giorno o si sera,
inizi la vita: la vita nuova, la vita vera.



Poesia inviata da: Vito Giuseppe Carlucci


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti