Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Scienza e verità
Sonetto n.XVI tratto dalla raccolta "U Vangelu non è matematica", pubblicata nel 1985 dal Prof. Orazio Raffaele Di Landro. Il poeta qui vuole farci capire che la scienza deve seguire alcune regole precise e agire con "serietà e discilpina", solo così può essere utile alla nostra vita.

Dialetto: Calabria

Scienza e verità
A scienza ndavi u scopri a verità:
perciò potimu diri ca è scienziatu
cui agisci cu na certa serietà
e disciplina, comu nu sordatu

chi senti veramenti carità
di Patria, e a ogni momentu è preparatu
mu difendi ca vita a società;
non ndavi u m'esti d'attu interessatu.

Tuttu chidu ch'è utili si cura,
si crisci cu pacienza e senza fretta;
pecchì si lentu crisci assai cchjù dura;

chidu ch'on servi ndavi mu si jetta.
Tutti vonnu na vita cchjù sicura,
ma u m'è sicura ndavi u m'esti netta!

  Traduzione in italiano

Scienza e verità
La scienza deve scoprire la verità:
perciò possiamo dire che è scienziato
chi agisce con una certa serietà
e discilpina, come un soldato

che sente veramente amore per la Patria, e ogni momento è preparato
a difendere con la vita la società;
non si deve interessare d'altro.

Si cura tutto ciò che è utile,
si cresce con pazienza e senza fretta;
perché ogni cosa che cresce lenta dura di più;

ciò che non serve deve essere buttato.
Tutti desiderano una vita più sicura,
ma perché sia sicura deve essere pulita e onesta!



Poesia inviata da: Orazio Raffaele Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti