Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
A ddo farmacista.
Tutto è relativo! E talvolta un buon motivo, può indurre a metter da parte le regole!

Dialetto: Campania

A ddo farmacista.
Na signora trase dint â farmacia;
- Pe favore, duttó, vulesse nu poco e arzenico
Trattannose e nu veleno putente, o farmacista se nforma, primma 'e ce 'o ddà:
- Signò, ma a che ve serve?
- Paccidere a mio marito!...
- Me dispiace signó, ma in questo caso nun vo pozzo dà
A signora, senza dicere niente, caccia da burzetta na fotografia do marito suojo ca sta dint ô lietto cu a migliera do farmacista; al che o farmacista conclude:
- Ah! È accussí?... E o putiveve dicere súbbeto ca teniveve a riggetta!

  Traduzione in italiano

Dal farmacista
Una donna entra in farmacia:
- Per favore, dottore, vorrei dell'arsenico.
Trattandosi di un veleno letale, il farmacista chiede informazioni prima di accontentarla.
- E a che vi serve, signora?
- Per ammazzare mio marito.
- Mi dispiace, signora: ma in questo caso purtroppo non posso darvelo!
La donna senza dire una parola estrae dalla borsetta una foto di suo marito che è a letto con la moglie del farmacista;alla vista di ciò il farmacista conclude:
- Ah! È cosí, signora,potevate dirlo subito che avevate la prescrizione!



Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti