Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
ROMA ANNINNATA
Dialetto romanesco

Dialetto: Lazio

ROMA ANNINNATA
Roma se spoja, smorza ‘gni rumore
e spanne attorno un soffio de bambace.
Fra Sonno quatto, quatto inzuffa pace
e mette er puntaccapo in ogni còre.

Sortanto un gatto, sgnavola in amore
pé corteggià ‘na, micia che je piace,
mentre sul letto un ricciolo vivace
a mano gionte parla cor Signore.

Roma s’anninna e sbocceno li sogni,
crature strane, fatte de maggia,
seconno le coscenze e li bisogni.

Ma poi ‘no scampanà pé tutt’attorno
sloggia st’incanto e cambia sinfonia:
er sole fa er cocchiere a un nòvo giorno.

  Traduzione in italiano

ROMA ADDORMENTATA
Roma si spoglia, spegne ogni rumore
e spande attorno un soffio de bambagia.
Frate Sonno quatto, quatto inzulfa pace
e mette il punto a capo in ogni cuore.

Soltanto un gatto, miagola in amore
per corteggiare una, micia che gli piace,
mentre sul letto un ricciolo vivace
a mano giunte parla con il Signore.

Roma siaddormenta e sbocciano i sogni,
creature strane, fatte di maggia,
secodno le coscienze ed i bisogni.

Ma poi uno scampanare tutto intorno
sfratta quest’incanto e cambia sinfonia:
il sole fà il cocchiere a un nuovo giorno.



Poesia inviata da: Giuseppe Caporuscio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti