Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
I TO OCCI
Quando un poeta si appresta verso la fine della sua vita si accorge che tutti o lo ignorano o si allontanano. Gli resta il ricordo anche della sua musa che oramai lo ha abbandonato. L'unica cosa che me rimasta impressa sono i suoi occhi a cui dedico...

Dialetto: Sicilia

I TO OCCI
Aruci Valeria
u mari è ‘nciusu
‘nte to occi,
occi
ca brillino ri luci…
occi ca
se taliu scappunu,
occi ca
to incinu ri gioia,
e ‘ppi s’occi
tu ‘rriri sempi,
a sunnari…
sulu i to occi
rinesciunu ‘a ‘jucari
che stiddi,…
occi accussi niuri
ca ‘u celu si ‘mmiria
comu puru…
assai fimmini
ca ti su amiche…
i to occi
‘ppi ‘ddiri
su onici e matriperla
‘ncastunati
‘nto to cori
ca ama voli beni

  Traduzione in italiano

I TUOI OCCHI
Dolce Valeria
Il mare è rinchiuso
nei tuoi occhi,
occhi che brillano di luce ...
occhi che
se guardo sfuggono,
occhi che
ti riempiono di gioia,
e per quegli occhi
tu continui a sorridere,
a sognare ...
solo i tuoi occhi
riescono a giocare con le stelle, ...
occhi così neri
che il cielo invidia
come pure…
molte donne
che ti sono amiche...
i tuoi occhi
alfine sono Onice e madreperla
incastonati nel tuo cuore
che ama vuole bene



Poesia inviata da: Paolo Campisi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti