Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
‘E MAZZATE
La disattenzione può esser causa di spiacevoli conseguenze, in ispecie se si è distratte ed infedeli.

Dialetto: Campania

‘E MAZZATE
‘Na signora cu ‘a faccia abbuffata, ‘e guallecchie sott’ a ll’uocchie e ‘e braccia chiene ‘e mulignane, trase dint’ ô studio d’’o miereco suojo.
- Dottó, aiutateme… Dateme quacche ccosa : sto’ tutta mercata e chiena ‘e delure.
- Calma signò, calma… mo vedimmo che putimmo fà… Ma addó site stata? ‘Mmiezo a quacche curteo?
- Quannu maje, duttó.
- E chi v’à fatto chestu ppoco? Chi è stato?
- Maritemo duttó, sulo maritemo!
- Ma comm’ è possibbile: cheste so’ mazzate fresche: ô massimo ‘e chesta matina … E vostro marito, stammatina steva a Milano !
- E accussì me penzavo pur’io, duttó!

  Traduzione in italiano

Le percosse
Una signora, con il volto tumefatto, occhiaie segnate e braccia coperte di lividure entra nello studio del proprio medico:
- Dottore, aiutatemi… Datemi qualche cosa: son tutta segnata e dolorante.
- Calma, signora, calma… Adesso vediamo cosa possiamo fare… Ma dove siete stata? In qualche manifestazione di piazza?
- Assolutamente no, dottore.
- E chi è che vi à fatto tutto questo? Chi è stato?
- Mio marito, dottore… Solo mio marito!
- Ma come è possibile: queste sono percosse recenti; al massimo di questa mattina.. E vostro marito questa mattina era a Milano!
E così pensavo io pure, dottore!



Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti