Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Diri e fari
Sonetto n.31 della raccolta: "Parranu i brunzi", del poeta cauloniese Orazio Raffaele Di Landro; riflessione su quanta differenza c'è tra il "dire" e il "fare".

Dialetto: Calabria

Diri e fari
'On jìvi mai videndu chi si dici,
jìvi sulu videndu chi si faci;
ma l'importanti 'on è quantu si dici,
né sulamenti chidu chi si faci;

l'importanti è u si faci chi si dici;
nomm'u si dici mai senz'u si faci.
Mi piaci cui po' diri: - U dissi e u fici. -;
quest'esti: Abbasta u dici, e poi mu faci.

Ma ognunu dici e faci a modu soi:
C'è cui non parra mai prima di fatti,
e c'è cui menti u carru avant'e voi;

cui vaji lentu, e poi cui faci satti;
cui non distingui mai tra prima e poi;
e c'è cui faci, ma 'on rispetta i patti.

  Traduzione in italiano

Dire e fare
Non ho mai badato a quel che si dice,
ma sono sempre stato attento a quello che si fa;
ma l'importante non è quello che si dice,
né solamente quello che si fa;

l'importante è fare quello che si dice;
non bisogna mai dire senza fare.
Mi piace la gente che può dire: - L'ho detto e l'ho fatto. -;
chiunque sia: Basta che dica, e poi faccia.

Ma ognuno dice e fa a modo suo:
C'è chi non parla mai prima dei fatti,
e c'è chi mette il carro davanti ai buoi;

chi va lento, e poi chi fa salti;
chi non distingue mai tra prima e poi;
e c'è chi fa, ma non rispetta i patti.



Poesia inviata da: Orazio Raffaele Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti