Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Nuci e cucuzza
Sonetto n. 40 del poeta cauloniese Orazio Raffaele Di Landro, appartenente alla raccolta: "Parranu i brunzi". Similitudine e differenza fra noce e zucca riferita metaforicamente alla diversità fra le persone.

Dialetto: Calabria

Nuci e cucuzza
Na nuci dint'o saccu mai scruscìu;
pecchì s'on nci fu n'atta mu m'attruzza
nudu scruscìri mai si cunchjudìu.
Però na nuci 'on è comu a cucuzza,

chi,mprascandu e ammaccandu,si mpurrìu
e doppu pocu già mandava puzza;
sulu u mortedu a ruppi, santu Diu!
Si nnoni non si spacca a non si cuzza.

Supa a sta terra cca simu mbiscati
dint'a nu stessu saccu tutti quanti;
e, venendu girati e rivotati,

l'unu cu l'attu ndavi mu s'attruzza.
Non si po' fari a menu: Ma è importanti
tu mu si' nuci e nomm'u si cucuzza.

  Traduzione in italiano

Noce u zucca
Una sola noce dentro il sacco non fa rumore;
perché se non c'è un'altra contro cui sbattere
nessun rumore si produce.
Però una noce non è come una zucca,

che, sbattendo e deformandosi, si è infracidita
e dopo un po' già puzzava;
solo un martello la può rompere, santo Iddio!
Altrimenti non si spacca e non si scalfisce.

Su questa terra siamo tutti messi insieme
come in uno stesso sacco;
e, venendo girati e rivoltati,

uno deve per forza sbattere contro l'altro.
Non si può fare a meno: Ma è importante
fare la parte della noce e non quella della zucca.



Poesia inviata da: Orazio Raffaele Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti