Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
U gadu vincituri
Simpatica poesia del giovane poeta cauloniese Giovanni Di Landro, che trae ispirazione da una favola di Esopo.

Dialetto: Calabria

U gadu vincituri
Du' gadi pe' questioni i sentimentu
si mingrijaru e si minaru forti,
non risparmiaru nudu trattamentu
cà pe' gadini decidìanu a sorti;

u gadu vincituri ormai cuntentu
sattau supa a nu muru e cantau forti,
n'aquila dissi: "Guarda tu chi sentu,
nu gadu aspetta sulu u veni a morti!".

E u gadu vincituri fu ammazzatu
e poi u perdenti senza esitazioni
nescìu i dduvi si ndavìa ammucciatu

e dissi: "Allura si ca jamu boni!
Cà si cu' vincu ndavi u m'è mangiatu,
megghju u perdìmu senza discussioni!"

  Traduzione in italiano

Il gallo vincitore
Due galli per questioni sentimentali
entrarono in combattimento,
non risparmiarono le buone maniere
perchè decidevano chi dovesse aggiudicarsi le galline;

il gallo vincitore ormai contento
saltò sopra un muro e iniziò a cantare a squarciagola,
ma un'aquila disse: "Guarda cosa sento,
un gallo aspetta solo di essere ucciso!"

E il gallo vincitore fu ucciso
e poi il gallo perdente senza esitazione
uscì da dove si era nascosto

e disse: "Allora sì che andiamo bene!
Perché se chi vince dev'essere mangiato,
è meglio perdere senza discussione!".



Poesia inviata da: Giovanni Di Landro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti