Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
A la bedda di li beddi
Sonetto di Nino Martoglio, famosissimo poeta e giornalista, nato a Belpasso (CT) nel 1870 e morto a Catania nel 1921, tratto dalla sua più famosa raccolta di liriche e sonetti, "Centona".

Dialetto: Sicilia

A la bedda di li beddi
Bedda, cu` fici a tia pinceva finu,
puteva fari scola a Tizianu,
ci travagghiò macari di bulinu
cu la pacenzia di lu franciscanu.

Bedda, cu` fici a tia fu `n Serafinu,
ch`aveva la fattura 'ntra li manu,
ti fici li labbruzza di rubinu
e li capiddi d`ebanu africanu.

Lu pettu ti lu fici palumminu,
li denti janchi e l`occhiu juculanu,
lu nasu privinutu e malantrinu,

nicu lu pedi e séngula la manu...
E doppu ca ti fici, 'st`assassinu,
spizzò la furma e la jittò luntanu !

  Traduzione in italiano

Alla bella delle belle
Bella, chi ha fatto te era un fine pittore,
poteva dare lezioni a Tiziano,
ha lavorato anche col bulino
con la pazienza d`un francescano.

Bella, chi ti ha fatto è stato un Serafino,
che aveva l`incantesimo nelle mani,
ti ha creato le piccole labbra di rubino
e i capelli d`ebano africano.

Il petto te lo ha fatto di colomba,
i denti bianchi e l`occhio vivace,
il naso eretto e deciso,

piccolo il piede e affusolata la mano.
E dopo che ti ha fatta, quest`assassino,
ha spezzato la forma e l`ha buttata lontano.



Poesia inviata da: Nino Martoglio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti