Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Doppo o temporale
Dialetto: Liguria

Doppo o temporale
O temporale o l’é passòu e o çe o pä neuvo,
ma lampezza ancon forte in distanza,
fra e nuvie s’aççendan ramme de feugo
silenziose ormai, pe a lontananza.

Oua doppo tutto quello ramadàn
l’é tornòu o silenzio, e tutto täxe;
cian cianin tutto repiggia o seu tran-tran
e a seiann-a a ritorna in ta seu paxe.

E grondann-e han finïïo de borboggiâ,
ancon dai aerboi cazze quarche stissa;
pe tutta quella gragneua ch’a l’é derruâ
resta pe tæra quarche feuggia nissa.

Un can che primma o l’àiva puïa di troìn
finalmente o l’ha finïo de luâ,
e i grilli a un a un, cianin cianin
timidamente ricomensan a cantâ.

Pàssan riendo di zoeni sensa pægoa,
e belle teste de rissi tutte bagnae.
Arvo i veddri recammae dall’ægoa
e veddo e stradde ormai quææxi sciugæ;

de bell’äia netta s’impe o respïo,
e de serenitæ pä che n’avanse;
ma chissà perché, mentre tutto torna a rïe,
chissà perché? O mæ cheu o comensa a cianze.

Dialetto Genovese

  Traduzione in italiano

Dopo il temporale
Il temporale è passato e il cielo sembra nuovo,
ma lampeggia ancora forte in distanza,
tra le nubi si accendono rami di fuoco
silenziosi ormai, per la lontananza.

Ora dopo tutto quel frastuono
è tornato il silenzio e tutto tace;
pian piano tutto riprende il suo corso
e la serata ritorna nella sua pace.

Le grondaie han finito di borbogliare,
ancora dagli alberi cade qualche goccia;
per tutta quella grandine che è caduta
resta in terra qualche foglia ammaccata.

Un cane che prima aveva paura dei tuoni
finalmente ha finito di ululare,
e i grilli ad uno ad uno, pian pianino
timidamente ricominciano a cantare.

Passano ridendo dei ragazzi senza ombrello
le belle teste di riccioli tutte bagnate.
Apro i vetri ricamati dalla pioggia
e vedo le strade ormai quasi asciugate;

di bell’aria netta s’empie il respiro,
e di serenità par che ne avanzi,
ma chissà perché, mentre tutto torna a sorridere,
chissà perchè? Il mio cuore comincia a piangere.



Poesia inviata da: Alba Toscanini


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti