Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
A SIRA
Si evoca una sera,in un paese di mare. I versi sono relativi a tempi più lontani.Quando la luna è alta alcuni tipi di pesca non si possono praticare.Sono tutti riuniti

Dialetto: Sicilia

A SIRA
A sira scinni,
a luna è ghiauta
e i riti sunnu arribbati.
I carseuddi jocanu,
a si mucciari.
L'ariddi cantanu
'nte livari.
I piscaturi ghiocunu 'e carti.
E lo zu Roccu prima
si fa priari,poi 'ntona
a sunari.
I mugghieri cuntanu i so fatti
-Oggi u muntagnaru da cucuzza gialla
ni vulia chiù caru-
Poi vardanu versu supra
unni a calata.
-Carusi l'aria è ferma.
dumani è caudduni-
-Ci fa u tempu pi bagnanti.-

  Traduzione in italiano

LA SERA
La sera scende,
la luna è alta
e le reti sono raccolte a riva.
I ragazzini giocano,
a nascondino.
I grilli cantano
nel terreno degli ulivi.
I pescatori giocano a carte
E lo zio Rocco prima si fa pregare,
poi intona a suonare.
Le mogli raccontano dei fatti loro.
-Oggi il contadino
vendeva la zucca gialla
più cara di ieri-
Poi guardano verso la vallata.
-Ragazzi,l'aria è ferma-
-Fa il tempo buono per i turisti.



Poesia inviata da: maria francesca falcone


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti