Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Puglia
U mèideche giòvene
Dialetto: Puglia

U mèideche giòvene
Ne mèideche giòvene addemannà
a ne colléghe anziane:
- "De frònde a ne còse
ca nan ze sòpe cè pèsce pegghiò,
cè s'òva fòie?"-
- "Esaggerésce sémbe
e nan te preoccupòie."-
Seccedé ca u giòvene
fò chiamate ad assiste na mèmme
chè avaie parteréie.
Passò n'aure,
pò mmézza scernate
e le paréinde,
che ènzie, aspettavene
ind'a la checéne.
Finalménde s'apré la pòrte
e assé u méideche.
Tutte nzéime l'addemannòrene:
- "Mbè! Còme è scìute?"
- " Male!
U meninne stè pe mbré,
la mèmme stè pèsce,
èmma vedaie
ce salvame u attane!"-

Francesco Palazzo (1920-2000)

  Traduzione in italiano

Il medico giovane
Un medico giovane domandò
ad un collega anziano:
- "Di fronte ad un caso
del quale non si sa che pesci prendere,
che si deve fare?"-
-"Esagera sempre
e non ti preoccupare."-
Accadde che il giovane
fu chiamato ad assistere una mamma
che doveva partorire.
Passò un'ora,
poi mezza giornata
ed i parenti,
con ansia, aspettavano
in cucina.
Finalmente s'aprì la porta
ed uscì il medico.
Tutti insieme gli chiesero:
-" Allora! Com'è andata?"-
-"Male!
Il bambino sta per morire,
la mamma sta peggio,
dobbiamo vedere
se salviamo il padre!"-



Poesia inviata da: Antonio Palazzo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti