Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Vintunora 2
Dialetto: Campania

Vintunora 2
N’addore ‘i péce e stóppa,
èvera verde ‘i mare
e nafta augliósa
felìnia ncopp’a ll’acqua.
Lignamme mo secáto,
mazzamma nt’i spaselle
e rrézze spase û sóle.
Pampùglie ca s’abbrùsciano
tramente vólle a ténta
ruzzimma nzuvarata,
nterra â rena
sottufrónte.


N’addóre ‘i mandarini
nt’a folla r’a piazzetta
carrette ‘i caverisciuri
jánchi cumm’a caruófani.
Teniélli ‘i capituni
muntuni ‘i scorze e ffrónne
e vásuli sciuliusi
ca nfónne a lavarella.

St’addóre ‘i mandarini!
Sta pe venì Natale.


N’addóre ‘i fummo ‘i céra
‘i ciénzo e crisantiémi
n’accordo nsibbemolle
‘a coppa â barcunata,
nfra segge rótte ‘i paglia.
Fernuta a funzióne,
uagliù! nzerráte a porta
ascimmo nt’a scarpetta
pe sótto û campanáro.
Cumme vulessi ancora
chill’uósemo sentì.


N’addóre ‘i nchiostra néra
nu calamàro ‘i vrito
scardáto, rint’u bànco
nu nquácchio nt’u quaderno
arrighe, riéci righe,
na cioffa róssa ncanna
a primma elementare
e na maésta tosta
ca parla taliàno.

  Traduzione in italiano

L'ora canonica 2
Un odore di pece e stoppa
alghe verdi di mare
e nafta oleosa
ragnatela sull’acqua.
Legno appena segato
cesti di pesci mischiati
e reti stese al sole
Trucioli che bruciano
mentre bolle la tinta
rugginosa e allappante,
sulla sabbia
sottufronte.



Fragranza di mandarini
tra la folla al mercato
carri di cavolfiori
bianchi come garofani.
Tinozze di capitoni
cumuli di bucce e foglie
lastrico scivoloso
bagnato dal rigagnolo.

Questo odore di mandarini!
Sento che viene Natale.


Afrore di fumo di cera
d’incenso e crisantemi
un accordo in si bemolle
dalla balconata
fra sedie rotte di paglia.
La funzione è finita
ragazzi! chiudete la porta
usciamo sulla scarpetta
per sotto il campanile.
Quanto mi piacerebbe
sentire quell’odore.


Odore di nero inchiostro
un calamaio di vetro
scheggiato, nel banco
una macchia sul quaderno
a righe, dieci righe,
un fiocco rosso alla gola
la prima elementare
una maestra arcigna
che parla in italiano.



Poesia inviata da: Salvatore Argenziano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti