Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Li furmículi
Componimento del poeta palermitano Giovanni Meli (1740-1815) tratto dalla sua ultima raccolta intitolata "Favuli Morali".

Dialetto: Sicilia

Li furmículi
Misi l'ali 'na Furmicula,
E sullévasi a momenti
Su li troffi di l'ardícula,
E di l'ervi chiù eminenti.

L'autri a terra rampicannu
Si stuperu a sta vulata;
L'ammiravanu esclamannu:
"Oh chi sorti ! O furtunata !".

E da bravi adulaturi,
Chi unni vídinu appujari
La fortuna, ddà li curi
Vannu tutti ad impiegari,

Cussì chisti, anchi di arrassu,
Cu li ossequi e riverenzi
Affrittavanu lu passu
Pri ottenírinni 'ncumbenzi.

Ma ristaru trizziati,
Chi prescritta avia la sorti
L'ali d'idda e li vulati
Pri preludii di la morti.

Si mai cadi si sfazzuna
Cui sta in cima di la scala;
Li favuri di furtuna
Su' carizzi cu la pala.

  Traduzione in italiano

Le formiche
Mise le ali una Formica,
E si solleva a momenti
Sui ciuffi dell'ortica
E delle erbe più eminenti.

Le altre a terra arrampicando
Si stupirono a questa volata;
L'ammiravano esclamando:
"Oh che sorte ! O fortunata !".

E da bravi adolatori,
Che dove vedono che si ferma
La fortuna, là le cure
Tutti vanno ad impiegare,

Così queste, anche da lontano,
Con ossequi e riverenze
Affrettavano il passo
Per ottenerne incombenze.

Ma rimasero ingannate,
Che prescritta avea la sorte
L'ali di lei e le volate
Per preludi della morte.

Se mai cade si fa male
Chi sta in cima della scala;
I favori della fortuna
Sono carezze con la pala.



Poesia inviata da: Giovanni Meli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti