Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
'A signora e ll'armuà
Spesso l'apparenza inganna...

Dialetto: Campania

'A signora e ll'armuà
Na signora teneva ‘nu ‘mpiccio dint’ â stanza ‘e lietto, pecché appena pe ‘mmiz’ â via passava o ‘nu camiònne o n’autobbusse pesante, lle s’arapevano ‘e pporte ‘e ll’armuà. Chiammaje ‘o masterascio e lle spiegaje ‘o probblema; ‘o pover’ommo faticaje cu cuscienza, accuncianno ‘e ttacchie sott’ ô mobbile, guardanno bbuono ‘e scive, e alla fine dicette ca tutto steva a pposto; se pigliaje pavato e se ne jette, ma ô primm’ autobbusse ca passaje, ‘e pporte s’arapettono n’ata vota; ‘a signora chiammaje n’ata vota ‘o masterascio che decidette ‘e se ‘nchiudere dint’ a ll’armuà, pe cuntrullà ô mumento esatto d’’o ‘mpiccio. Passajeno pochi minute e ammasunaje ‘o marito d’’a signora, jette direttamente a ll’armuà e ‘ncucciato ll’ommo ‘mmiez’ê vestite, tutt’ appezzato lle spiaje che stesse facenno; ‘o masterascio, stralunato, rendennose cunto d’’a situazione ‘nzipeta, rispunnette: ”Si i’ mo ve dicesse ca sto’ aspettanno ll’autobbusse, vuje me credisseve?”

  Traduzione in italiano

LA SIGNORA E L'ARMADIO
Una signora aveva un problema in camera da letto, perché appena, nella strada, passava un : o camion o un autobus pesante, si aprivano le porte dell’armadio. Chiamò il falegname e gli spiegò il problema. L’operaio lavorò con attenzione, risistemando le zeppe sotto il mobile e verificando le cerniere, alla fine disse che tutto era a posto, incassò il giusto e andò via. Al primo autobus che passò, però, le porte si riaprirono. La signora richiamò il falegname il quale decise di mettersi in attesa chiuso nell’armadio per controllare al momento giusto il disguido. Passarono i minuti e rincasò il marito della signora, si recò direttamente all’armadio per cambiarsi e alla vista dell’uomo accovacciato tra i vestiti, rosso in volto chiese cosa faceva. L’operaio, confuso, rendendosi conto della situazione equivoca, rispose :” se adesso vi dicessi che aspetto l’autobus mi credereste ?”



Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti