Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
'O Pueta
La gente pensa che far poesie sia sinonimo di allegria. Sentono che scrivi poesie napoletane e ti chiedono qualcosa. Ma il poeta non vuole gettare in pasto a tutti i suoi versi, che sono la sua sola ricchezza.

Dialetto: Campania

'O Pueta
'A gente ca me vede 'e fa puisie,
se crede ca so' cose allere, e rire:
e già, comme si po', p' 'a fantasia
ce stesse sulo'o rrosa e niente nire...

Te vedono cu' 'a penna dint''e mane
e già vedono tutto color rosa:
"Facite e puisie napulitane?
E facitece sentere quaccosa..."

E già,io po'piglio'a vita,'o bene,'o core,
'o suonno cchiù sunnato ca me sonno,
'o dulore ca canta 'a nonnanonna,
e 'o ghietto mmiez''a via, pe' nnanze a lloro...

Io nun so' ricco, ma tengo a puisia,
e lassateme sta' ca è rrobba mia!

  Traduzione in italiano

Il Poeta
La gente che ti vede comporre versi,
crede che siano cose allegre e ride.
Come se per la fantasia esistesse
solo il color rosa e non il nero.

Ti vedono con la penna tra le mani
e vedono tutto color rosa.
"Fate versi napoletani?
E fateci ascoltare qualcosa!"

Io poi dovrei prendere la mia vita, il cuore,
i più bei sonni che faccio,
il dolore che mi canta la ninna nanna
e buttarli in mazzo alla strada, davanti a loro.

Io non sono ricco, ma posseggo la poesia,
e lasciatemi in pace, perchè è mia!



Poesia inviata da: Antonio Portolano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti