Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
Fïgo Brigiassòtto
Dialetto: Liguria

Fïgo Brigiassòtto
Quande settembre o cega a bionda testa
de rappi d’ûga stanco e troppo sô
o brigiassòtto verde s’inghirlanda
de doçi porpe e sciami de figgiêu.

Ed anche d’oxeli i rami se fan pin:
mille becchetti son tutti scigoanti
che i ghe fan scïato, specie de mattin.
E-o veggio fïgo o rïe ciù che contento!

E poi d’ottobre o primo lavasson:
e tosto l’erbo o s’impe de muscin,
o sa de muffa o cianze früti e fêugge.

E-o de vigò pin tronco tanto antïgo
o se fa triste e spêuggio immenso fïgo,
in brigiassòtto sperso drento l’orto

  Traduzione in italiano

Il fico brogiotto
Quando settembre piega (=cega) la bionda testa
di grappoli d’uva (=ûga) stanco e troppo sole
il brigiassotto verde s’inghirlanda
di dolci polpe e sciami di ragazzi.

Ed anche di uccelli si fanno pieni i rami:
mille becchetti sono tutti cinguettanti
che fanno un gran baccano, specie il mattino.
E il vecchio fico ride contento!

E poi il primo diluvio (=lavassun) di ottobre:
e subito l’albero si riempie di moscerini (=muscin),
e odora di muffa e cadono piangendo frutti e foglie.

E il vigore (=vigò) che riempiva il tronco tanto antico
si fa triste e spoglio (=spêuggiu) l’immenso fico,
un brigiassotto sperso dentro l’orto.

Scritta il 14 agosto 1947 e stampata il 7 settembre 1947



Poesia inviata da: Luigi Panero di Loano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti