Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
I Palummeddi ri Mari
Dialetto: Sicilia

I Palummeddi ri Mari
E quannu suscia u libecciu
si viri u mari incrispari,
arrifrisca n'anticchia
e luntanu si senti cantari,
comu n'alitania ri vuci bianchi
ca i picciriddi fa arruspigghiari
ri sta bonaccia r'agostu infirnali.

Ri luntanu arrivanu a migliaia
assicutannusi unu cu n'avutru,
s'affannanu p'amuri r'arrivari
e ri moriri senza n'enti capiri,
supra li scogghi si virinu svaniri
i poveri palummeddi ri mari.

  Traduzione in italiano

Le colombelle di Mare
E quando soffia il libeccio
si vede il mare increspare
rinfresca un pò
e lontano si sente cantare
come un litanìa di voci bianche
che i bambini fà svegliare
da questa bonaccia d'agosto infernale.

Da lontano arrivano a migliaia
inseguendosi l'un l'altro
si affannano per amore di arrivare
e di morire senza niente capire
sopra gli scogli si vedono svanire
le povere colombelle di mare.



Poesia inviata da: Mauro Monteverdi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti