Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
U mâe chêu u l’è ligghon
Dialetto: Liguria

U mâe chêu u l’è ligghon
U passon l’è in pussu fundu
dunde u stà tuttu de nui :
da-u päpètu a ciamu in mundu
che lazzù ghe dorme quetu.

Ogni tantu sciù me vegne
i-na rêusa o-i na fêuggetta:
àn l’oudù da mâe zuentù
fresca, ricca e foscia aspretta.

Ma quarch’otta sciù me munta
drita, lunga, neigra e triste
i-na spina che-a se punta
propriu a-u centru du mâe chêu….

Ti me dì de stò luntan
du passon dä grande fossa?
Cuscci fandu chêu se sorva
da-i rigordi che-i dan scossa ?

Ma-u mâe chêu u l’è ligghon
survia-u pussu du passon!

  Traduzione in italiano

Il mio cuore è legato
Il passato è un pozzo fondo- nel quale sta tutto di noi- dal parapetto (=päpètu) chiamo un mondo- che laggiù dorme queto.
Ogni tanto viene su- una rosa o una fogliolina:- esse hanno il profumo della mia gioventù- fresca, ricca e forse aspretta.
Ma qualche volta sale sino a me- dritta. Lunga, nera e malvagia (=triste)- una spina che si pianta- proprio al centro del mio cuore…
Tu mi suggerisci di stare lontano- dal passato del grande fondo?- Così facendo si salva il cuorre- da i ricordi che danno scosse?
Ma il mio cuore è legato- al pozzo del passato!

Scritta 25 marzo 1952



Poesia inviata da: Luigi Panero de Leua


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti