Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Liguria
U piccettu che-u porta tristessa
Vincitrice del V° premio provinciale organizzato dalla Società savonese "A Campanassa". Scritta nel gennaio 1957.

Dialetto: Liguria

U piccettu che-u porta tristessa
A sentu che fèua
adoxiu baixina:
a stansia l'è pina
de luxe in pò freida.

U vegne de in can
u baiu luntan,
e-i canti di galli
i cure a campagna.

U cheu me s'insuppa
du grixiu mattin,
du lentu baixin
che-u cianze sciù a taera.

In cima a-u barcun,
intantu, se posa
de ciume in pugnettu,
in fi de becchettu:

se scrolla, u dà in criu,
se mia in pò in giu,
e turna u se scrolla,
dà turna in suspio.

E quellu piccettu
cu-e tre stisse russe
che a gua i ghe maccia,
de l'otra tristessa
me caccia in tu cheu.....

  Traduzione in italiano

Il pettirosso che porta tristezza
Sento che fuori
pioviggina adagio:
la stanza è piena
di luce un pò fredda.

Arriva di un cane
l'abbaio lontano,
ed i canti dei galli
percorrono la campagna.

Il cuore si inzuppa
del grigio mattino,
della lenta pioggerellina
che piange sulla terra.

I cima al balcone,
intanto, si posa
di piume un pugnetto,
un filo di beccuccio:

si scrolla, dà un grido,
si guarda un poco in giro,
e nuovamente si scrolla,
dà ancora un sospiro.

E quel pettirosso
con le tre gocce rosse
che la gola gli macchiano
dell'altra tristezza
mi butta nel cuore......



Poesia inviata da: Luigi Panero di Loano


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti