Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
La Parabola del Figliol Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?

Dialetto: Calabria

La Parabola del Figliol Prodigo
Nel dialetto di Montalto Uffugo (Cosenza)

N'uòminu tinija duvi figli. U kiù picciriddru ha dittu a ru patri : Papà, dùnami mo' kiru ki mi vena di redità. Allura 'u patri ha spartùtu kiru k'avija tra i duvi figli.
'Ncùnu juòrn'apprièssu u quatràru s'è vinnùtu tuttu e ccu ri sordi ki s'è abbusc'katu sinn'è ijùtu a n'avutru paijsi, kiù luntanu. Ddrà s'è mis'a ffari 'u milordu, scialacquiànnu tuttu e 'ccussì è rimastu senza nu sordu.
Doppu cc'è stata na caristìa tirrìbbili 'ntra kiru paijsi, e ru guagliùni k'unn'avija kiù nenti, un sapija kiù ki fari ppi mangiàri.
Allura è ijùtu a fatigàri ppi d'unu ca stava ddrà. U patruni l'ha mannatu 'ncampagna a gurdà i puorci. U quatraru avija na fami k'ammumenti si mangiava ri gliànni di puorci. U fattu è k'un cinni dava nuddru.
Allura s'è misu a pinzàri a cumu s'era addirrùttu e, 'ntra capu sua, pinzava : Tutti i sirvitùr'i pàtrima pònnu mangià quantu vònnu. Iju, 'mmeci, staiju ddruòc' a mòri i fami. Mo' mi ricuògliu adduvi pàtrima e li dicu : Patri, haiju piccàtu cuntr'a Ddiju e cuntr'a ttija. 'Un sugnu kiù degnu d'essi figliu a ttija. Pigliàmi cumu sirvitùru.
E, subbitu s'è 'ncaminàtu e s'è ricuòtu add'uv'u patri.
Kuann'era ancora luntànu da casa, 'u patri l'ha bbistu e, prijatu ccu ri lacrimi, è ijùtu a r'ascuntàri, l'ha abbrazzatu e l'ha basatu.
M'u figliu l'ha dittu : Patri, haiju piccàtu cuntr'a Ddiju e cuntr'a ttija.
'Un mi mièritu kiù d'essi figliu a ttija.
U patri, 'mmeci, 'mpressa 'mpressa, ha urdinatu ari sirvitùri : Ijàti a pigliàri 'u custùmi kiù bellu e facìtic' u minti.
Mintìtici l'anieddru a ru ijiritu e datici nu par'i sandali. 'Pu pigliàti 'u ijencu, kiru k'amu 'ngrassatu e scannàtilu. Am'i fa festa ccu na tavulàta, ca s'è ricuòtu, pikkì ssu figliu mia era muòrtu e 'mmec'è bivu, era persu el'haiju truvatu torna.
E hannu cuminciatu a fa festa.
A ra mentri, u figliu kiù granni era 'ncampagna. Kuannu s'è ricuotu pur'iddru, ha 'ntisu a musica ed ha vistu k'abballavanu.
Ha chiamatu unu di sirvitùri e c'ha addimmannatu k'era successu.
U sirvitùru l'ha rispostu : S'è ricuòtu fràtitta e pàtritta n'ha fattu scannar'u ijencu, kiru gruòssu, ppì ru fattu ki s'è ricuòtu 'u guagliùni 'nsarvamientu.
Allura 'u frati kiù granni, s'è 'ncazzatu e nu bulìa mancu trasi. U patri è isciutu a r'ascuntàri ed ha circatu d'u convinci a trasi.
Ma iddru c'ha dittu : Iju haiju sempri fatigàtu ppi ttija e t'haju sempr'asuliàtu. Maij ki m'avissi rigalàtu nu crapiettu ppi fa festa cull'amici mija. E mò, 'mmeci, si ricòglia ssu scioperatu, k'ha spruciniàtu i sordi tua ccu ri puttàni, e tu ki ffaij ? L'ammazzi u ijencu kiù miegliu!
U patri l'ha rispostu : Figliu mija, tu si sempi ccu mmija e tuttu kiru ki tiègnu e puru du tua. Iju un putija unn'essi cuntièntu e nu' fa festa, ca fràtitta ki ppi mmija era muòrtu mo' è vivu, ppi mija era persu e l'haiju truvatu torna.

  Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".



Racconto inviato da: Benito Ciarlo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti