Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Molise
Màmma
Dialetto: Molise

Màmma
Màmma quant’allucche ca si menate
quanta cucchiàre ca si spezzàte.
Chiste n’n canùscene sapòre, ma sule ru suòne de lu viente
T’arrecòrde quànne séva chiù peccerìlle e te faceva arrajà?
Doppe t’ addummannàva sèmpe se me vulìve bène.
Mo m so mbaràta non te l chiede chiù.
So passàte paricchie anne, ma ru vìzie de chiagne, sta sémpe ch me.
E ogni vota , cha l’uòcchi ti’, vidn quìlle mi, ru core t c fà a mille parte.
Màmma , so sempe ute, poche paròle pe te
Ma na cosa è certa,
Tu mi s messa a ru munne, tu m si spieàte ca è tunne,
tu mada dice, quànne n’è chiù ora de chiàgne.


  Traduzione in italiano

Mamma
Mamma quante urla che hai dato
quante cocchiarelle che hai spezzato
queste non conoscono sapore, ma solo il suono del vento.
Ti ricordi quando ero più piccolina e ti facevo arrabbiare?
Dopo ti chiedevo sempre se mi volevi bene
Ora l'ho imparato, non te lo chiedo più:
Sono passati parecchi anni, ma il vizio di piangere non me lo sono tolto
E ogni volta che i tuoi occhi vedono i miei, il tuo cuore si fa a 1000 pezzi.
Mamma ho sempre avuto poche parole per te
ma una cosa è certa tu mi hai messo al mondo, tu mi hai spiegato che è tondo
e tu mi dirai quando sarà il momento di non piangere più.



Poesia inviata da: Giusy D'Alessandro


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti