Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Lazio
Mamma
Dialetto: Lazio

Mamma
Quanno la notte scenne, ner mio letto,
prima d'abbandonamme ar cheto incanto,
mamma te penzo e ner penzatte un pianto
esce salenno dar profonno petto.

E m'aricordo che tutte le sere
venivi accanto ar letto e dorce, piano,
giungevi con amore le mií mano
e assieme a me dicevi le preghiere

Come 'na vorta, o ma', sempre t'aspetto
inzino a che m'addormo e a l'orizzonte
sogno che torni che me baci in fronte,
preghi co' me e m'arimbocchi er letto.

  Traduzione in italiano

Mamma
Quando si fa notte, nel mio letto,
prima di cadere al quieto incanto,
mamma ti penso e nel pensarti un pianto
esce salendo dal profondo petto.

E mi ricordo che tutte le sere
venivi accanto al letto e dolcemente
giungevi le mie mani cordialmente
e insieme dicevamo le preghiere.

Come una volta io sempre t'aspetto
fino a che m'addormento e a l'orizzonte
sogno che torni, che mi baci in fronte,
preghi con me e mi rimbocchi il letto.



Poesia inviata da: Pasquino da Todi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti