Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
LA LESCìA
Quando le donne di una volta si dedicavno al bucato,per i bimbi era una vera festa:immersi nel profumo della biancheria lavata,gioivano,giocando,vicino alle mamme o alle nonne.

Dialetto: Marche

LA LESCìA
Ell'acqua bullìa
'ntra la cenigia chiara;
i pagni,sotta,
èrene tutti pronti;
nonna li smuginàa
cu' la cucchiàra
e la lescìa sbiangàa
'ssi pagni 'onti.
Era 'na festa
se se gambiaa i lenzòli:
l'udore de pulitu
rempìa la casa;
strillami allegri
tutti no' fijoli
e po'..giò la marina
pe' la spasa.
Erene bianghi
cume 'ssi cucàli
i pagni stati
lì,'ntra la lescìa;
bianghi cuscì
nun ce n'era uguali
i pagni che rlàaa
nonna mia.

  Traduzione in italiano

Il bucato
L'acqua ribolliva
tra la cenere chiara;
i panni,sotto,
erano tutti pronti;
la nonna rimestava
con il cucchiaione (di legno)
e il bucato sbiancava
la biancheria.
Era una festa
se si lavavano lenzuola:
il profumo di pulito
riempiva la casa;
strillavamo allegri
tutti noi bambini,
e poi... giù per la marina a stendere.
Erano bianchi
come ali di gabbiano
i panni restati
lì,sotto acqua e cenere:
bianchi così
non ce n'erano uguali
i panni che lavava
la nonna mia.



Poesia inviata da: Novella


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti