Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
Sacciu 'na canzunedda
Una canzoncina che narra di eventi che avvengono tutti all'inverso.

Dialetto: Calabria

Sacciu 'na canzunedda
Sacciu ‘na canzunedda alla riversa
E alla riversa la vogghiu cantari:
Mi jsu ‘na ruminica matina,
Pigghiu lu facigghiuni a vaiu a seminari;
‘Ncuntru na pirara carrica di fica,
Mi calu e pighhiu ‘na vajana;
Rranca lu patruni di li pira:
O latru, chi thai fattu, i ficarazzi?
‘Ncuntru ‘nu ciucciu supra ‘nu cirasu
chi cu’ li pedi scotula li nuci;
Cadi lu ciucciu e si ruppi lu nasu.
Passa lu lupu e s’abbutta di risi:
‘Na troia chi facia li maccarruni,
I porcedduzzi chi rattavanu lu casu,
‘A jatta chi cusia li cammisi,
‘U surici c’infilava u filu all’acu.
Chista esti la canzunedda alla riversa
E alla riversa la vossi cantari.










Sacciu ‘na canzunedda alla riversa
E alla riversa la vogghiu cantari:
Mi jsu ‘na ruminica matina,
Pigghiu lu facigghiuni a vaiu a seminari;
‘Ncuntru na pirara carrica di fica,
Mi calu e pighhiu ‘na vajana; Arranca lu patruni di li pira:
O latru, chi thai fattu, i ficarazzi?
‘Ncuntru ‘nu ciucciu supra ‘nu cirasu
chi cu’ li pedi scotula li nuci.
Cadi lu ciucciu e si ruppi lu nasu.
Passa lu lupu e s’abbutta di risi;
‘Na troia chi facia li maccarruni,
I porcedduzzi chi rattavanu lu casu
‘A jatta chi cusia li cammisi,
‘U surici c’infilava u filu all’acu.
Chista esti la canzunedda alla riversa
E alla riversa la vossi cuntari.

  Traduzione in italiano

Conosco una canzoncina tutta al contrario
Conosco una canzoncina al contratio
ed al contrario la voglio cantare:
mi alzo una domenica mattina,
prendo la falce e vado a seminare;
incontro un pero piena di fichi,
mi abbasso e raccolgo un baccello;
arriva anzante il padrone delle pere:
o ladro, che hai preso, i fichidindia?
Incontro un asino sopra unciliegio
che con i pidi butta giù le noci;
cade l'asino e si rompe il naso.
Passa un lupo e si scompiscia dalle risate:
Una scrofa faceva i mavvheroni,
i porcellini grattavano il formaggio,
la gatta cuciva le camicie,
ed un topo gli infilava l'ago.
Questa è la canzoncina al contrario
ed al contrario l'ho voluta cantare.



Poesia inviata da: anonimo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti