Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
A VIRITA' ARRUBBATA*
Quante verità vengono stravolte dagli uomini! Qui non si tratta della teoria della doppia verità o della teoria di Pirandello del "Così è...".Una persona rimane delusa dello storpiamento della verità e prega che presto la verità venga alla luce.

Dialetto: Sicilia

A VIRITA' ARRUBBATA*
A virità:
mi l’arrubbaru.
Comu n’aneddu d’oru
mi l’arrubbaru.
A ittaru
da muntagna
a pinninu
‘nton puzzu niuru:
ci sputaru
‘ncapu
e si ni jeru.

Comu ‘nta na pignata
carcariannu
ora vugghi u me cori
e spanni
vampati di focu;
sulu quarcuno
dici “chi successi”?
Pi strata ognirunu
si sparti
rummuliannu.

A virità
mi l’arrubbaru.
Pariva duci
st’aria d’aprili
ca mi stampava
‘nta ll’occhi
pi sti strati storti
ciuri di mennuli
rosa
e vigni
arrizzittati.

Ora viu sulu
suli annigghiatu
e arbuli stuccati
di lu ventu
affamatu
e accarizzìu
armi ‘nnuccenti
cu li manu stanchi
ncapu na tavula
di chiova
tagghienti.

E trimannu
mi ‘npinciu
a taliari
‘ntra stu puzzu
ca tira
lu me cori
e pensu
di tiralla
cu ll’occhi
sta virità lucenti…
e iu m’appuzzu
e la tiru
cu ll’occhi,
e la taliu.

A virità:
viriti: e ‘nsanguliata,
l’annettu
cu lu ciatu,
mi sentu arrifriscata,
la mettu
supra l’altaru miu
e m’addinocchiu
e pregu,
pregu ca tutti
putissiru leggiri
‘ncelu
cu lu lustru di suli
chi spanni!


* La poesia,pubblicata su "esperienze scuola-territorio" 1982, è stata premiata nel 2004 dall'Associazione Nino Martoglio a Grotte.

  Traduzione in italiano

La verità rubata
La verità:
me l'hanno rubata.
Come un anello d'oro
me l'hanno rubata.
L'hanno gettata
giù dalla montagna.
vi hanno sputato sopra
e se ne sono andati.

Come in una pentola
borbottando
ora bolle il mio cuore
e sparge
vampate di fuoco;
solo qualcuno
dice "Che è successo?"
Per la strada ognuno
si saluta
mormorando.

A virità:
me l'hanno rubata.
Pareva dolce
quest'aria d'aprile
che mi faceva apparire
per queste strade storte
fiori di mandorli rosa
e vigne
ben ordinate.

Ora vedo solo
sole annebbiato
e alberi spezzati
dal vento affamato
e accarezzo anime
innocenti
con le mani stanche
come sopra una tavola
di chiodi taglienti.

E tremando indugio lo sguardo
a guardare
in questo pozzo
che tira
il mio cuore
e penso
di tirarla
con gli occhi
questa verità fulgida...
ed io mi sporgo sul pozzo
e la tiro
con gli occhi
e la guardo.

La verità:
vedete, è insanguinata,
la pulisco con il mio fiato,
mi sento rinfrescata,
la metto sopra il mio altare
e m'inginocchio
e prego,
prego che tutti
possano leggerla in cielo
con la luce del sole
che si sparge intorno!



Poesia inviata da: Rosalba Anzalone


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti