Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Natale dint' 'o vico
Dialetto: Campania

Natale dint' 'o vico
Dialetto napoletano

'E l'alba 'e schiare juorno,
nu'gallo canto, e se'allerreje strillanno,
'o sole 'e musce 'e sereticce strisce,
nu'ventariello 'e gelo te'scesca 'o vico.

Vicie'ajzete obbi'ogge 'e Natale,
io sente gia'li'suone d''o zampugnaro.
Carme'c'addore che'fatto 'a munachina?
n''a tazzulela fina dammela mo'Carme'.

Vicie'famme 'o presepio ca'tengo tutte cose,
lignamme 'e carta pesta, sta'lla'dint''o cummo',
pero't'arraccumanno fammille picerillo,
ca''o vasce 'e nu'schezzillo , si e'no ce'po'trasi.

Voglio n''a cosa bella, nun me fa'sfigura',
'e grotte e'casarelle , l'ovatta je'stelletelle,
miettele addo'vuo'tu', famme 'o scenario blu'.
Vicie'po'pe'pasture nun te'preoccupa',

cchiu''e uno truove rutte, vire si''e puo''nculla',
pare ca'Sant, Giuseppe 'a cape 'a tene rotta,
jo'vuje e'senza corna, embe'che pozze fa'?
A'lavannara pure avi'sta'senza vracce,

'e chistu'pecurare che faccio lasce sta'?
Carme'damme 'o cafe', miettece 'o poche d'annese
ca'mme' sturduta 'a cape , Carme'famme sceta'.

Vicie'tantu'bellillo, 'a stalle jo'bammeniello,
io chesto l'aggi'o have', pecche''a mezz'a notte
l'avimma festeggia', Vicie'nun te'guarta'.
Carme'nu'surzetiello, dammele n''a tazzella

ovvi'ca'sto'aspettanne,
Carme' ca' io faccio 'a mez'a notta.

  Traduzione in italiano

Natale nel vicolo


E' l'alba e schiarisce il giorno
un gallo canta e si rallega strillando
il sole nasce e sereticce strisce,
un venticello gelido ghiaccia il vicolo.

Vincenzo, alzati, lo vedi,oggi è Natale,
sento già i suoni dello zampognaro.
Carmela, che profumo, cos'hai fatto, la monachina?
una tazzuola fina dammela adesso, Carmela.

Vincenzo, fammi il presepio, che ho tutto il necessario
legname e cartapesta, è tutto lì nel comò,
però, ti raccomando, fammelo piccolino,
che il basso è nu' schezzillo, si e no riesci ad entrare.

Voglio una cosa bella, non farmi sfigurare,
le grotte, le casette, l'ovatta e le stelline
mettile dove vuoi tu, fammi lo sfondo blu.
Vincenzo, non preoccuparti per i pastori,

molti saranno rotti, guarda se puoi incollarli,
sembra che San Giuseppe abbia la testa rotta
e il bue sia senza corna, embè, che ci posso fare?
La lavandaia pure dev'esser senza braccia

e questo pecoraio, che faccio, lo lascio stare?
Carmela dammi il caffè, mettici un goccio d'anice,
che mi sento stordito, Carmela, fammi svegliare!

Vincenzo, è tanto bellino, la stalla e il bambinello
questo lo devo avere, perchè a mezzanotte
lo dobbiamo festeggiare. Vincenzo, non distrarti,
Carmela un sorsetto, dammela una tazzina,

non vedi che sto aspettando?
Carmela, qua io faccio la mezzanotte.



Poesia inviata da: Armando Torre


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti