Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Temporale estivo
La pioggia improvvisa sembra smorzare il gran caldo che infiacchisce le membra in un'afosa giornata estiva. Ma quanto dura?

Dialetto: Campania

Temporale estivo
Maronna e che cauro!
Chest’aria abbufagna ammanca ‘o respiro,
nun te fa arraggiunà, te ’nfiacchisce,
t’addebbulisce, te fa perdere ‘e forze!
Maronna, che cauro!

E mente me perde int’ê lamiente, s’affaccia,
gagliardo, u punentino.
Cu ‘na sciusciata sceta ll’aria, abbence
‘o cauro e par’ammattà u fucore ‘e sta città.
Intanto, i furmine, comme a sajette,
attraversan’‘o cielo da parte a parte;
i truonele brunnulejano luntane
e, cchiù s’abbecineno,
cchiù respónneno cu raggia
â ‘nsulenza sfacciata di lampe.
Eppure, ‘e l’acqua manco l’ombra…
Mamma e che cauro!

‘O sole, pe paura, s’accove arret’ê nnuvule scure
e, all’intrasatta, ‘o cielo s’apre, se scatascia
e vott’abbasce - Giesù, e comme so’ grosse!-
stizze gigante, esaggerate, sprupusitate.
Careno ‘nterra l’una appriesso a l’ata…

Mo, chiove a zuffunno e men’‘a chiena.
Correno p’â via sciumme d’acqua,
ll’aria s’arrefresca e nuje, biate, risciatamme.

Ma, ncap’’a ‘na menz’ora, comme pe maggìa,
l‘acqua nun c’è cchiù, è sparuta.
Allora, ‘e vvie pe’ currivo cacceno fore
tutt’‘o ccauro astipato
e ‘a ggente accummenza n’ata vota a surà,
a rusecà, a sciusciarse, a lamentarse…
Nun ngia faccio cchiù.
Maronna, e che cauro!

  Traduzione in italiano

Temporale estivo
Madonna, che caldo!
Quest’aria afosa fa mancare il respiro,
non ti fa ragionare, infiacchisce,
indebolisce, fa perdere le forze!
Madonna, che caldo!

E mentre mi perdo tra i lamenti, si affaccia,
gagliardo, il ponentino.
Con un soffio sveglia l’aria, vince
sul caldo e sembra attutire il fuoco della città.
Intanto i fulmini, come saette,
attraversano il cielo da una parte all’altra;
i tuoni brontolano lontano
e, più si avvicinano,
più rispondono con rabbia
all’insolenza sfacciata dei lampi.
Eppure, dell’acqua nemmeno l’ombra…
Mamma, che caldo!

Il sole, per paura, si nasconde
dietro le nuvole nere,
e all’improvviso, il cielo si apre, si scuote
e manda giù – Gesù, e come son grandi!-
gocce giganti, esagerate, spropositate.
Cadono a terra l’una dietro l’altra…

Adesso, piove a dirotto e scende la piena.
Corrono per la strada fiumi d’acqua,
l’aria si rinfresca e noi, beati, riprendiamo fiato.

Ma, da lì a una mezz’ora, come per magia,
l’acqua non c’è più, è sparita.
Allora, per dispetto, le strade tirano fuori
tutto il caldo conservato
e la gente comincia di nuovo a sudare,
a borbottare, a soffiarsi, a lamentarsi…
Non ce la faccio più.
Madonna, che caldo!



Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti