Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Viche antiche
Talora, e soprattutto quando si è giovani, i vicoli con le loro caratteristiche peculiarità, si vivono ma non si vedono; si riscoprono e si apprezzano, invece, quando la maturità o l'età fanno il loro ingresso nella nostra vita arricchendola di quelle conoscenze che sembravano non appartenerci.

Dialetto: Campania

Viche antiche
A vvote me sento sperduta e frasturnata
int’â sti vichi strinte,
sbacantute e mieze sgarrupate.
Ma si appizzo bon’’e rrecchie, sento
nluntananza ’a museca d’ê vvoce amiche
ca a chisti viche hanno dato ‘a vita.

Int’a niente, me passeno p’ â capa
‘e pazzièlle, “arrubbate”, ‘ncopp’ â Turretta
‘o cuceniello attuorn’ â vrasera,
u tiatre int’ â ‘na stanzulella strenta e longa
‘e Sante Nicola, i llotterie e le cacce al tesoro,
i cante e ‘a spenzieratezza d’â giuvintù.

Tanne, i viche nun se ‘uardaveno,
erano llà, erano sempricemente i nuoste,
se jenchèveno d’ ê vvoce noste.

Po ‘a vita, comm’è loggico e naturale,
ha mischiate a tante ‘e nuje ‘e ccarte ‘ntavula
e sule mo ca ‘o tiempo passa
cerco i stemme, sturio ll’arche, mmiro i cchiese,
i chiazzulle, i ricame, i ciardini, i bbellezze
ca nun aggia viste mai.

Appizzo ancora ’e rrecchie e sento sempe
cchiù abbecina ’a museca d’ ê vvoce antiche
ca a chisti viche hanno dato ‘a vita.

  Traduzione in italiano

Vicoli antichi
Talora mi sento sperduta e frastornata
in questi vicoli stretti,
svuotati e pericolosamente dirupati.
Ma se tendo bene le orecchie, sento
in lontananza la musica delle voci amiche
che a questi vicoli hanno dato vita.
Come niente, mi tornano alla mente
i giochi, "rubati", sulla Torretta
‘o cuceniéllo* intorno al braciere,

il teatro allestito in una stanzetta stretta e lunga
di San Nicola, le lotterie e le cacce al tesoro,
i canti e la spensieratezza della gioventù.
Allora, i vicoli non si guardavano,
erano là, erano semplicemente i nostri,
si riempivano delle voci nostre.
Poi la vita, come è logico e naturale,
ha cambiato a tutti noi le carte in tavola
e, perciò, solo ora che il tempo scorre,
cerco gli stemmi, studio gli archi, ammiro le chiese,
le piazzette, gli stucchi, i giardini,
le bellezze che non ho visto mai.
Tendo ancora le orecchie e sento
sempre più vicina
la musica delle voci antiche
che a questi vicoli hanno dato vita.

*(cuceniello= gioco di bambine che fingono di cucinare per le bambole, utilizzando prodotti veri, già pronti)



Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti