Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
'A 'Ddulurata e 'a Veronica
Questa poesia viene declamata nella settimana Santa è molto vecchia e dopo averle sistemato alcune parole nella traduzione siciliana ve la presento: Paolo Campisi

Dialetto: Sicilia

'A 'Ddulurata e 'a Veronica
Quannu la Santa Matri camminava
Lu duci figghiu so’ circannu jva;
lu sangu santu la via cci ‘mparava,
ca ‘pi li strati spargiutu l’avia.
Un pocu ‘a rrassu la trumma sunava,
Maria appressu la trumma si nni jia
Ha ‘ncuntratu ‘na fimmina ‘pi la strata,
Veronica ciamata.
Maria si vota afflitta e scunsulata:
“Tu, fimmina , ha vistu a me figghiu passari
vistutu cuna vesti russa e lavorata,
beddu ca nuddu cci pò assimigghiari?”
“Ju unu n’aju vistu ‘pi la strata
‘nchiajatu e nun putia camminari;
la facci cu’ stu velu ci aju stujatu,
e la so’ fiura ra faccia m’arristau stampata”


  Traduzione in italiano

L'Addolorata e la Veronica
Quando la Santa Madre camminava
Il dolce figlio suo andava cercando;
il sangue santo la via le indicava,
che per le strade sparso lo aveva.
Un po’ lontano la tromba suonava,
Maria dietro la tromba se ne andava;
ha incontrato una donna per la strada
Veronica chiamata.
Maria si volta afflitta e sconsolata:
“ Tu, donna, hai visto mio figlio passare,
vestito con una veste rossa e ricamata,
bello come nessuno gli può somigliare?”
“Io uno ne ho visto per la strada,
era piagato e non poteva camminare;
la faccia con questo velo gli ho asciugata
e la sua impronta mi restò stampata



Poesia inviata da: Anonimo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti