Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Marche
La storia
Dialetto: Marche

La storia
La storia, vedi, è come 'na matassa
un po' 'ntrecciada che sbrojare devi,
se 'l bandolo te sfugge e non lo trovi
è mejo che la 'rponi nte la cassa

da do' l'hai tolta... Vojo di', 'na massa
de fatti e fatterelli vecchi e novi
che se ad uno ad uno non li levi
te fa 'na confusiò che non te passa.

Perché c'è quelli personali e poi
c'è quelli collettivi: a volte "io"
basta che dighi, a volte invece "noi".

Ma quella che te mette più nei guai
è la memoria che t'ha datto Dio,
che più te serve e meno usalla sai.

  Traduzione in italiano


La storia, vedi, è come una matassa
un po' intrecciata che devi sbrogliare,
se il bandolo ti sfugge e non lo trovi
è meglio che la riponi nella cassa

da dove l'hai tolta... Voglio dire, una massa
di fatti e fatterelli vecchi e nuovi
che se non li levi ad uno ad uno
ti fa una confusione che non ti passa.

Perché ci sono quelli personali e poi
ci sono quelli collettivi: a volte "io"
basta che dici, a volte invece "noi".

Ma quella che ti mette più nei guai
è la memoria che ti ha dato Dio,
che più ti serve e meno la sai usare.



Poesia inviata da: Giancarlo Vecci - Jesi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti