Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Lu venniri e Santu
Quello che accadde 2000 anni fa il venerdì Santo in una poesia trovata e sistemata nella traduzione dialettale da Paolo Campisi

Dialetto: Sicilia

Lu venniri e Santu
Lu venniri santissimu
Appena chi ‘gghiurnò,
la cruci ‘nterra misiru:
Gesu Cristu ‘cci pusò.

Cu tri chiva spuntatissimi,
cu tri chiva tirantissimi,
manu e peri ‘cci ‘nchiuvaru,
a Cristu ‘u crucifissaru.

Foru li corpa,
chi desiru a Diu.
Seimilaseicentusissantasei
Cu scrigni e sputazzati.

E’ cu ‘a rici ogni venniri,
cu duluri e divuzioni,
‘cci sunnu pirdunati,
seimilaseicentusissantaseipiccati

  Traduzione in italiano

Il venerdì Santo
Il venerdì santissimo,
appena che aggiornò,
la croce a terra misero:
Gesù Cristo vi posò.

Con tre chidi spuntatissimi,
con tre chiodi lunghissimi,
mani e piedi gli inchiodarono,
Gesù lo crocifissero.

Furono i colpi
Che diedero a Dio
Seiliaseicentosessantasei
Con ghibni e sputi.

E chi la dice ogni venerdì,
con dolore e devozione,
gli sono perdonati
seimilaseicentosessantasei peccati.



Poesia inviata da: Anonimo


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti