Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Ricordi lontani
Portar fuori dal pozzo della memoria i ricordi di un tempo, svanito con la stessa rapidità di un fulmine, è malinconia per chi come me vive lontano dal proprio paese, ma è anche la constatazione che senza il passato, basamento solido della nostra esistenza, non vi può essere nè la consistenza del presente nè la speranza del futuro.

Dialetto: Campania

Ricordi lontani
M’affaccio ‘a luggetella da casa ‘e mamma mia
e assaporo ll’aria fina ‘e primma matina.
All’intrasatta, ‘na vucella doce doce,
ma sempe cchiù ‘nzistente, me vesbiglia
dint’ ‘o core.
“ Scètate, me dice, guàrdate attuorno,
nun te scurdà ca chesta è ‘a vita toja”.
Sule sule ll’uocchie se voteno sbirciano,
annaspano…e chianu chiane fanno ‘o punto.

‘E botto, ‘uardo ll’acqua d’’o vallone
e penz’ ‘a vita mia ca comme ‘o sciumme
cuntinua ‘o curzo suoje e nun se ferma mai.
A vvote, è vero, quacche ‘ntruppeco
le ‘nzerra ‘a via, ma isse gira attuorno
scravacca e se ne vaje cchiù felice ‘e primma.

E intanto, ll’uocchie guardano luntano…
scavano, cercano quaccosa ca nun trovano.
Chi sta’ luntano comme a mme vulesse
ca i ricuorde fossero rijale, vulesse veré
ancor’‘a chiena e ‘a paura ca te stringive ‘o core…

L’acqua comm’ ‘a na furia
se trascenava appriesso ‘o bbuono e ‘o malamente.
E ‘o rumore…
Era accussì assurdante ca trasive dint’ ‘e suone.
Comm’ ‘a ‘na calamita t’attirava,
e allora saglive ‘e corsa ‘a loggia ‘e coppa
pe’ vedè meglio i ggiri e i contraggiri…
Che forza ‘e natura!
Ll’acqua se vutava, se ‘ngravugliava
e po’ viulentemente s’alluntanava.

Quanno torno cu’ ‘a mente luntano pure i penzieri
miei se ‘ngravoglieno…
‘O passato, punto fermo d’‘a vita mia
addo’ tutt’’e sentimente se so’ furmate, se mmisca
cu’ ppresente càreco d’ammore, ardenze, smanie,
prugiette e speranze.

  Traduzione in italiano

Ricordi lontani
Mi affaccio al terrazzino della casa di mamma mia
e assaporo l’aria fresca e dolce del mattino.
All’improvviso, una voce sottile e delicata,
ma sempre più vitale e penetrante,
sussurra nel mio cuore.
“Svegliati, mi dice, guardati intorno,
non dimenticare che questa è la vita tua”.
Come spinti da forza magnetica, gli occhi si girano, spiano,
arrancano e proseguono…e lentamente fanno il punto.

Di colpo, guardo l’acqua del vallone
e penso alla mia vita che proprio come il fiume
continua il suo corso e non si ferma mai.
E se pure qualche intoppo
gli intralcia il cammino, lo attornia
o l’oltrepassa e scorre via più contento che mai.

E intanto gli occhi guardano lontano…
scavano, cercano qualcosa che non sempre trovano.
Chi come me sta lontano dalla sua terra
vorrebbe che i ricordi fossero tangibili, reali;
vorrebbe vedere
ancora la piena che stringeva il cuore…

L’acqua come una furia
trascinava tutto, il bene e il male.
E il rumore…Era così assordante che martellava il capo,
ma come una calamita ti attirava, ti seduceva, ti stregava
e allora di corsa salivi nel loggiato superiore
per vedere i giri e le piroette…
Che forza di natura!
L’acqua si avvolgeva su se stessa, si ingarbugliava
e poi con irruenza si allontanava.

Quando vado con la mente lontano anche i pensieri
miei si aggrovigliano…
Il passato, punto fermo della mia vita,
dove tutti i sentimenti si sono formati e forgiati
si fondono col presente carico d’amore, ardore, smania,
progetti e speranze.




Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 - All rights reserved | Contatti