Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Campania
Specchio delle mie brame
Spiritosa e, insieme, malinconica è l'immagine riflessa in quello specchio che segna l'ineluttabile scorrere del tempo che, cinicamente, si appropria della salute, della freschezza e della giovinezza-in questo caso-delle donne.

Dialetto: Campania

Specchio delle mie brame
È proprio overo, nun c’è cosa cchiù affatata,
ma cchiù curiosa, cchiù ‘ntricante e cchiù spiona
‘e stu piezz’’e tulètta.
Se dice ca è n’amico sincero,
franco e liàle, uno ca nun conte mai buscìe,
uno ca dice pane ‘o ppane,
uno c’appresent’‘a rialtà attale e quale.

Ammesso c’accussì è, tutto fila liscio
si chella ca se specchia è pe’ natura fresca,
bella e vellutata comm’’a na rosa‘e primavera.
Allora, cuntenta se ‘uarda ancora
e, careca d’ardenza, vaje annanze.

Ma cche succere si una già nun è bella
o si, passanno l’anne,
chella rosa s’appasulejia e se ‘nzecchisce?
Addeventa gelósa e mmeriósa
e nun campa cuntenta;
cuntrolla ‘e zampe ‘e ‘allina,
‘a pell’arrepecchiata, ‘a faccia scesa,
appesantuta e appagliaruta
e, proprietarie ‘e tutte sti bellezze,
s’appecundrisce;
oppure, sfacciatamente, daje ‘a colpa
a chillu piezz’’e vetro
dicenno ca è fauzo e sturceneja ‘e ccose.

Ma ogne scarpa addeventa scarpone!
E pirciò, nun facimmo macchiette,
nun damme ‘a colpa ‘e specchie
pecché è ’o tiempo ca è mariuolo assaje,
s’arrobba ‘a freschezza, ‘a salùte e ’a giuvinezza.

  Traduzione in italiano

Specchio delle mie brame
È proprio così, non c’è cosa più fatata,
ma più strana, più intrigante e più indiscreta
di questo pezzo di toeletta.
Si dice che è un amico sincero,
franco e leale, uno che non racconta mai bugie,
uno che rappresenta la realtà così com'è.
Ammettiamo pure che le cose stiano così,
tutto fila liscio se colei che si specchia
è di per sé fresca,
bella e vellutata come un rosa di primavera.
Allora, soddisfatta, si guarda ancora
e, carica di ardore, va incontro al futuro.

Ma che succede se una persona già non è bella
o se, passando gli anni,
quella rosa appassisce e si rinsecchisce?
Diventa gelosa e invidiosa
e non vive contenta;
controlla le rughe intorno agli occhi,
la pelle spiegazzata, la faccia scesa,
appesantita e secca come paglia al sole
e, proprietaria di tutto questo ben di Dio,
s’intristisce; oppure, con sfacciataggine,
dà la colpa a quel pezzo di vetro
affermando che è falso e storpia le cose.

Ma ogni scarpa diventa scarpone!
Perciò, non siamo ridicole,
non diamo la colpa agli specchi
perché è il tempo che è ladro,
ci ruba la freschezza, la salute e la giovinezza.



Poesia inviata da: Rosalia D'Ambrosio


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti