Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Calabria
L'atra matina mi 'indi iva a mari
Un sempliciotto reggino, Giufà, (personaggio comune a molti paesi del Mediterraneo) si reca sulla spiaggia a lavare una trippa e rimane estasiato dalle bellezze del luogo.

Dialetto: Calabria

L'atra matina mi 'indi iva a mari
L’atra matina mi ‘ndi iva a mari
Mi lavu ‘a tripparedda alla ribbata
Iva viatu ch’aviva chiffari
E teniva sustinuta a caminata.
Passai stramenti da la via marina:
An pettu a mia viria ‘u Mungibeddu,
‘i muntagni ‘i Trinacria e poi Missina.
Ma vui riciti chi locu chhiù beddu
i chistu ndavi o mundu, quantu sia?
U mari era carmu e ddurmentatu,
U celu pariva ’u mantu di Maria
Jeu era comu n’omu mbarzamatu.
L’unda accarizzava leggiu ‘a rina
Comu si faci cu li criatureddi,
L’aria era frisca , tralucente e fina,
e supra i mia volavunu l’aceddi.
Arbiri randi comu na muntagna,
petri e scritturi di ll’antichi genti
sciuri e coluri comu nda campagna:
era partutu e non capisciva nenti.
O Riggitanu cu tanta billizza
Ambeci mi ciangi chi non poi campari
Scialati ‘u cori e godi sta ricchizza
Cu Patraternu a ttia ti vossi rialari.

Giufà

  Traduzione in italiano

L'altra mattina andavo al mare
L'altra mattina andavo al mare
per lavare una trippa sulla spiaggia
procedevo svelto perchè avevo da fare
e tenevo il passo sostenuto.
Son passato casualmente dal lungomare:
di fronte a me vedevo il Mongibello,
le montagne di Trinacria e poi Messina.
Ma voi dite che luogo più bello
di questo ce ne è al mondo, quanto sia?
Il mare era calmo ed addormentato,
il cielo sembrava il manto di Maria,
io ero come imbalzamato.
L'onda accarezzava piano la sabbia
come si fa con i fanciulli,
l'aria era fresca, trasparente e fina,
e sopra di me volavano gli uccelli.
Alberi grandi come una montagna,
pietre e scritture delle antiche genti,
fiori e colori come in campagna:
ero svanito e non capivo niente.
O Reggino con tanta bellezza
invece di piangere che non puoi vivere
rallegrati il cuore e godi questa ricchezza
che il Padreterno a te volle donare.

Giufà



Poesia inviata da: Carlo Baccellieri


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti