Proverbi | Poesie | Racconti | Articoli | Dizionario | Ricette | Mobile | BackOffice e Registrazione | Contatti | Home 
PAROLA
IN
Dialettando.com



Le Regioni
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino Alto Adige
Umbria
Valle d'Aosta
Veneto
Canton Ticino
Corsica



Sicilia
Viduva Janca
In ricordo di una ragazza di Gela: Graziella che dopo molti anni rimasta sola con i figli, quindi vedova bianca si decise, di andare a trovare il marito per sempre. E' una lettera alla madre.

Dialetto: Sicilia

Viduva Janca
Aju lu maritu ca mi travagghia fora
e sula nun mi sentu di ristari
pirchi, mi manca tra ciatu e parola
l'amuri ca' Diu mi vosi dari.

Speru sulu ca' nun ti pisa assai
la partenza mia 'pi fora, matri
lassannuti ora sula e 'nti li guai,
doppu ca' Diu, vosi a me Patri.

Sacciu sulu ca' lu sangu so' abbivira
sta terra sempri sicca e bruciata.
Unni lu me amuri 'pi pazzu 'na sira
mi dissi: Partu, te...na' vasata.

L'unica cosa ca' pozzu fari:
T'arriccumannu sempri a lu Signuri
e nu 'beddu jornu china ri 'dinari
m'arricogghiu cu' lu me amuri.

  Traduzione in italiano

Vedova bianca
Ho il marito che mi lavora fuori
e sola non mi sento di restare
perché, mi manca tra fiato e parola
l'amore che Dio mi volle dare.

Spero solo che non ti pesa molto
la partenza mia per fuori, madre
lasciandoti ora sola e nei guai,
dopo che Dio volle a mio Padre.

So soltanto che il suo sangue abbevera
questa terra sempre aridsa e bruciata.
Dove il mio amore per pazzo una sera
mi disse: parto, tieni...un bacio.

L'unica cosa che posso fare
ti raccomando sempre al Signore
e un bel giorno piena di denari
ritorno con il mio amore.



Poesia inviata da: Paolo Campisi


Viaggi, destinazioni turismo e avventura


dialettando.com © 2003-2019 Simonelli Editore Srl - Golem100 Srl - All rights reserved | Contatti